In piena emergenza da Coronavirus, l’assistenza tecnica in realtà aumentata migliora la produttività aziendale e salvaguardia la salute degli operatori

Durante questi giorni di emergenza sanitaria, in cui gli spostamenti sono fortemente limitati, la realtà aumentata può diventare un valido alleato per effettuare operazioni di manutenzione senza dover ricorrere ad un tecnico.

In caso di malfunzionamento, il macchinario avrà bisogno di un’immediata riparazione per evitare costosi fermi macchina. Normalmente in queste situazioni sarà il tecnico esterno che dovrà compiere queste operazioni di manutenzione. In questo periodo però, dobbiamo prestare attenzione soprattutto alla salute sia dei dipendenti sia dei tecnici, che potrebbe essere minacciata nel caso una della parti non indossi i dispositivi di protezione individuale (DPI), come mascherine e guanti.

Manutenzione aumentata (AR)

Per ovviare a questa situazione, la tecnologia ci viene in soccorso. Grazie alla realtà aumentata gli addetti potranno effettuare degli interventi sui macchinari, senza aver bisogno di un operatore specializzato on site. Basterà inquadrare il macchinario, o un componente di esso, con un tablet industriale per accedere immediatamente alle istruzioni passo passo per risolvere il problema. L’intera operazione verrà infatti suddivisa in tanti piccoli step, per facilitare le persone che non sono tecnici manutentori di professione.

Attraverso l’applicativo AR si potranno tenere sottomano anche tutti i manuali della macchina, gli schemi elettrici ed altri documenti che integrano le istruzioni interattive. Si possono inserire anche dei video ad albero decisionale, che fanno vedere come il tecnico dell’assistenza effettua i passaggi sul macchinario.

Se il guasto non viene risolto utilizzando queste modalità si può ricorrere alla teleassistenza da remoto in realtà aumentata. Si potrà infatti chiamare l’operatore che guiderà, a distanza, i dipendenti a riparare il macchinario. Inquadrando la macchina con il tablet, il tecnico indicherà in tempo reale sullo schermo le operazioni da effettuare per risolvere il guasto.

Quali sono i benefici?

Le aziende che hanno implementato la realtà aumentata per il servizio di assistenza tecnica hanno registrato una riduzione dell’11% sui costi complessivi di assistenza, e del 17% nei tassi di errore, a fronte di un netto miglioramento nella qualità delle riparazioni. Inoltre il tasso di risoluzione dei problemi tecnici da parte dei clienti senza bisogno di interventi on site è cresciuto del 76%, riducendo anche i costi di viaggio a carico dell’azienda e minimizzando i fermi tecnici causati dai guasti. (Fonte: HBR)

La manutenzione AR quindi riduce i tempi di fermo macchina, che a volte possono risultare molto gravosi per i produttori, a fronte di più rapida una risoluzione dei guasti, senza riscorrere al tradizionale servizio di assistenza tecnica. Di conseguenza anche la produttività aumenterà. Durante questo particolare periodo, la realtà aumentata può portare valore anche alla salute delle persone, in quanto evita gli spostamenti e riduce quindi le probabilità di contagio.

bottone

La realtà aumentata arriva al MECSPE, vieni a scoprirla

 

Durante questa edizione del MECSPE che si terrà a Parma dal 22 al 24 marzo 2018, saremo ospitati da Siemens SPA (Padiglione 2, Stand J15) per far conoscere a tutti i visitatori le potenzialità di Realtà Aumentata e Realtà Virtuale applicate al mondo industriale.

Con più di 3.000 espositori all’attivo, il MECSPE di Parma è una delle fiere di riferimento del mondo industriale, che ogni anno ospita le migliori innovazioni del settore. Con il motto “Digitalization in Machine Tool Manufacturing” Siemens presenta il proprio portfolio di soluzioni e strumenti digitali che facilitano l’evoluzione delle aziende manifatturiere verso la smart factory e verso processi produttivi più efficienti e sostenibili nell’ottica di Industria 4.0.  Tra gli strumenti facilmente implementabili nei macchinari industriali, al fine di incrementarne la produttività, c’è la Realtà Aumentata.

In particolare, presso lo stand Siemens, l’attenzione sarà focalizzata su come migliorare la manutenzione delle macchine utensili attraverso la Realtà Aumentata (AR).  L’AR fornisce agli addetti dati analitici e predittivi generati dalla macchina tramite il controllo numerico SINUMERIK, li guida visualmente in tempo reale all’effettuazione delle riparazioni (tramite video o istruzioni interattive) e, condividendo ciò che viene inquadrato con il tablet industriale Siemens, li mette in contatto con esperti che possono aiutarli ad ottimizzare le procedure. Pertanto è possibile anche effettuare le riparazioni a distanza, senza dover per forza recarsi presso lo stabilimento produttivo dell’azienda cliente per la manutenzione.

In questo breve schema sono sintetizzati tutti i benefici portati dalla realtà aumentata applicata all’industria (Fonte: Harvard Business Review Italia):

infografica-realta-aumentata

Inoltre, in ogni giornata della manifestazione parteciperemo con un intervento sulla Realtà Aumentata e Realtà Virtuale al fitto programma di speech studiato da Siemens per i visitatori e a partecipazione libera.  Per aggiornamenti sugli speech, vi consigliamo di tenere d’occhio le nostre pagine social, nelle quali anche vi racconteremo in diretta la nostra “avventura” al MECSPE! (Facebook, Linkedin e Instagram)

Venite a trovarci, vi aspettiamo numerosi!

mecspe

 

Follow us on

      

 

realtà aumentata industrial

Il valore dell’impiego della realtà aumentata in contesti industriali è facilmente intuibile: questa tecnologia rivela la sua massima utilità dove c’è bisogno di più informazioni, in meno tempo e con un alto grado di accuratezza.

Grazie alla capacità di fornire dati in tempo reale ben contestualizzati, gli strumenti in realtà aumentata possono svolgere un ruolo attivo nella semplificazione e velocizzazione dei processi decisionali, nella manutenzione di macchinari, o nelle fasi di controllo e monitoraggio di impianti e processi. Anche in ambienti e contesti produttivi molto particolari.
PerfectDig, prodotto dall’azienda australiana Maptek, è un sistema che sfrutta la potenza di tecnologie come la scannerizzazione laser, la precisione della modellazione 3D, unite alla flessibilità dei dispositivi mobile, per migliorare la produttività di un’attività particolare: l’estrazione mineraria.
In collegamento con lo strumento di scannerizzazione laser di superfici, il software fornisce un mezzo per confrontare chiaramente la situazione reale delle aree di scavo con i progetti elaborati precedentemente.
Dopo la scannerizzazione delle superfici, che può avvenire senza interrompere le operazioni di estrazione, PerfectDig registra i dati aggiornati e presenta una comparazione visivamente accurata con le mappe e i progetti di partenza. Un’analisi in tempo reale così dettagliata delle aree di lavoro permette di ridurre le perdite di tempo e il rischio di errori nelle operazioni di scavo, ottimizzando i processi decisionali.

La possibilità di visualizzare queste informazioni su dispositivi mobile e di poterle condividere agevolmente, inoltre, facilita la comunicazione tra ingegneri, periti, supervisori e operai. A beneficiare di questo sistema di controllo è anche la sicurezza dell’ambiente di lavoro, in quanto c’è una minore necessità di avvicinarsi a piedi alle aree di scavo.
Nei contesti industriali, dunque, gli strumenti dotati realtà aumentata forniscono importanti feedback informativi, migliorando le operazioni di monitoraggio, supporto decisionale e comunicazione.

 

realtà aumentata scannerizzazione industria

PerfectDig. Fonte: http://www.maptek.com/products/perfectdig/

 

Fonte: http://www.maptek.com/news/maptek-brings-augmented-reality-to-the-mining-industry/