Augmented reality helmets? F-35 fighter pilots are using them from some time now to have a look to the airplane performance without having to look down; now, thanks to the two devices presented at CES 2016 by BMW and Skully, this new technology entered also the two-wheeled world.

BMW isn’t new to experiments with augmented reality: we’ve already seen the results of their hi-tech tests when they released the smart glasses helping the driver fixing his vehicle and the famous MINI goggles, with that peculiar strange old-style look. At the Las Vegas event they wanted to surprise us again, this time making a step for taking motorcycling to the future: the company presented DigiLens, their new augmented reality helmet that helps bikers driving in a safer way. To explain easily this device, it’s enough to say they are a Google Glass for helmets, just with a wider view: DigiLens is a magnetic, colored display as thin as eyeglasses that can be clipped in front of the driver’s eye. Inside the helmet, in the biker’s field of view, DigiLens shows important information superimposed.

diglns2
This technology has the potential to enhance the riding experience by making it easier to see what is behind you, as well as keeping important information in the rider’s field of view,” says Robert Richter, senior advanced technology engineer at the BMW Group Technology Office USA.

Another device related to the world of motorcycling is the augmented reality helmet AR-1 by Skully. At the moment at the end of the crowdfunding campaign, with the device available on the official site for $1499, Skully took part to CES 2016 with a demonstration of the possibilities of AR-1. Skully is an helmet that uses augmented reality to show useful information and also what is recorded with a camera placed on its back directly in the field of view of the biker. Other than this feature, the smart helmet has also an internal audio function that let the driver listen to music and follow the directions given by the navigator.

Caschi a realtà aumentata? I piloti degli F-35 ne fanno uso già da tempo per tenere d’occhio le performance dell’aereo senza essere costretti a spostare lo sguardo dalla traiettoria di volo; adesso, grazie ai due dispositivi presentati da BMW e Skully al CES 2016, questa nuova tecnologia ha fatto il suo ingresso anche nel mondo a due ruote.

BMW non è certo nuova alle sperimentazioni con la realtà aumentata: abbiamo già visto i risultati dei suoi test tecnologici negli smart glasses che aiutano l’automobilista ad aggiustare il veicolo e nei famosissimi goggles, dal gusto un po’ retrò, abbinati alla MINI. All’evento di Las Vegas ha voluto stupirci ancora, portando il motociclismo nel futuro: la casa ha infatti presentato DigiLens, il suo nuovo casco a realtà aumentata che aiuta i motociclisti a guidare in modo più sicuro grazie all’omonima tecnologia. Per spiegare semplicemente questo dispositivo basta pensare a Google Glass montato su un casco per moto, ma con una vista decisamente più estesa: DigiLens è un display a colori dello spessore di una lente che può essere sistemato tramite un magnete di fronte all’occhio del guidatore. All’interno del casco, nel campo visivo del motociclista, DigiLens mostra diverse importanti informazioni in sovrimpressione.

diglns2
Questa tecnologia ha il potenziale di migliorare l’esperienza di guida rendendo più semplice da vedere quel che c’è dietro di te, e nel mentre mantenere informazioni importanti per il guidatore nel suo campo visivo” ha detto Robert Richter, ingegnere per il Group Technology Office USA.

Altro device relativo al mondo del motociclismo è il casco a realtà aumentata AR-1 firmato Skully. Al momento ancora in chiusura della campagna di crowdfunding, con il dispositivo reso disponibile sul sito ufficiale per 1.499 dollari, Skully ha partecipato al CES 2016 con una dimostrazione delle possibilità di AR-1. Skully è un casco che utilizza la realtà aumentata trasmettendo informazioni utili e quel che viene registrato dalla videocamera sul retro del casco direttamente all’interno del campo visivo del motociclista. Oltre a queste feature, il casco intelligente ha una funzione audio interna che permette al guidatore di ascoltare musica e di seguire le indicazioni del navigatore.

CES 2016 ended some days ago and left us speechless as usual. This year the alternative realities fans enjoyed it even more, since it’s been inaugurated the Augmented Reality Marketplace, a space entirely dedicated to this theme. And in fact we weren’t disappointed.

One of the leading news came from Google and Lenovo, that during the event announced a pretty interesting partnership that will see them producing a new smartphone, a phablet, the first with Project Tango‘s 3D mapping technology. The objective is clearly to start a new generation of smart devices that could be optimized also for the use of augmented reality and 3D indoor mapping.

The new device wasn’t showed at CES, but some details have been unveiled: since of the dimensions, a wide screen around 6 inches (15 centimeters), it will be a phablet; the cost will be reasonable, remaining under $500, and we will see it on the market probably already from mid-year.

Johnny Lee, leader of Project Tango, in a speech also explained some possible uses for the new device: from helping consumers find their way in a large hotel or mall to taking precise measurements of a room before shopping for furnishings, all this related to the fact that Project Tango’s technology, on the opposite of the GPS one, works also in indoor spaces. Lee told us more: Project Tango “transforms the smartphone into a magical window on the world” and uses depth sensing and motion tracking to create on-screen 3D experiences.

As a whole, this is a pretty important step both for Lenovo, Chinese tech giant, that with this project officially enters the USA market, and for Google, that finally will be able to give a brand new device to the developers for his pretty ambitious Tango technology.

Il CES 2016 si è concluso e ci ha lasciati come sempre a bocca aperta. Quest’anno, poi, per gli appassionati di realtà alternative non poteva essere altrimenti, visto che era stato addirittura inaugurato l’Augmented Reality Marketplace, dedicato interamente a questo tema. E infatti non siamo rimasti delusi.

Una delle news di spicco ci è arrivata da Google e Lenovo, che durante la manifestazione hanno annunciato una partnership molto interessante, che li vedrà impegnati nella produzione di un nuovo smartphone, probabilmente un phablet, il primo con la tecnologia di mappatura 3D di Project Tango. L’obiettivo non dichiarato è ovviamente quello di dare il via a una nuova generazione di dispositivi smart che possano essere ottimizzati anche per l’utilizzo di realtà aumentata e mappatura 3D degli interni con tutti gli usi che ne conseguono.

Il nuovo device non è stato mostrato al CES, tuttavia ne sono stati svelati alcuni dettagli: viste le dimensioni, con schermo largo attorno ai 6 pollici (15 centimetri), si tratterà di un phablet; il costo sarà abbordabile, rimanendo sotto i 500$, e lo vedremo sul mercato probabilmente già a partire dalla metà dell’anno.

Johnny Lee, leader di Project Tango, in un intervento ha inoltre spiegato i possibili utilizzi del nuovo device: dall’orientarsi in un grande hotel o in un centro commerciale al misurare i propri ambienti prima di uscire per acquistare il mobilio, tutto questo legato al fatto che la tecnologia di Project Tango, al contrario di quella GPS, funziona anche negli spazi chiusi. Lee ci dice di più: Project Tango “trasforma lo smartphone in una finestra magica sul mondo” e usa i sensori di profondità e il tracciamento di movimento per creare un’esperienza 3D sullo schermo.

Nel complesso, si tratta di un passo molto importante sia per Lenovo, gigante cinese della tecnologia, che in questo modo farà il suo ingresso ufficiale nel mercato USA e successivamente in quello europeo, che per Google, che finalmente potrà fornire un nuovo device agli sviluppatori per questo progetto decisamente ambizioso.

Do you know CES (Consumer Electronics Show)? It is a tradeshow that takes place every year in January in Las Vegas, Nevada, and it’s one of the most important and awaited events dedicated to global consumer electronic and consumer technology.

Technology fans from all over the world gathered yesterday, as the gates of Las Vegas Convention Center opened for the inauguration of CES 2016 edition; the event will be held until January 9th.

This 2016 edition seems pretty full of news for augmented and virtual reality fans: already from the first announcements there have been no doubts about the hot topics of this year, first of all with the opening of the Augmented Reality Marketplace, a space completely dedicated to augmented reality, in which more than 40 exhibitors will showcase immersive multimedia for alternative realities systems and environments. A big guest will be Oculus Rift for virtual reality, while returning to AR there are two important nominations, respectively for Innovation and as Top Product of the mobile section, to the Vuzix headsets and to the ODG R-7 smart glasses by Osterhout.

Since we already followed the event’s opening day, we know that the first news related to augmented reality has already been revealed: yesterday, in fact, Intel presented its new AR headset. It’s called Daqri and, on the opposite of the other similar devices as HoloLens and Google Glass, it’s oriented to the industrial and professional market: it will help the wearer to receive more information, such as diagrams, schematics and problem areas that need fixing, directly in the field of vision while he works. Of course, being Intel, it’s meant to be pretty powerful.

Daqri headset is only one of the many news expected to be unveiled during this CES edition: we can’t wait to discover them all.

Conoscete il CES (letteralmente Consumer Electronics Show)? Si tratta di un tradeshow che si tiene ogni anno a Gennaio a Las Vegas, Nevada, ed è uno degli eventi più importanti e attesi dedicati a elettronica e tecnologia, soprattutto in ambito consumer.

Anche quest’anno l’attesa degli appassionati di tecnologia è finita: proprio ieri, infatti, si sono aperti i cancelli del Las Vegas Convention Center per dare il via al CES 2016, che rimarrà visitabile sino al 9 Gennaio.

Questo 2016 si prospetta decisamente pieno di novità anche per i fan di realtà aumentata e virtuale: infatti già dai primi annunci non vi sono stati dubbi sui temi caldi dello show di quest’anno, in primis con l’apertura addirittura dell’Augmented Reality Marketplace, uno spazio completamente dedicato alla realtà aumentata nel quale più di 40 espositori mostreranno le ultime novità in ambito realtà alternative. Inoltre grande ospite della manifestazione sarà Oculus Rift per quel che concerne la realtà virtuale, mentre tornando in ambito AR ci sono due importanti nominations, rispettivamente per l’Innovazione e come Top Product della sezione mobile, ai visori della Vuzix e agli smart glasses ODG R-7 firmati Osterhout.

Inoltre, visto che abbiamo già assistito alla giornata di apertura della manifestazione, ecco che la prima sorpresa riguardante la realtà aumentata non si è fatta attendere: proprio ieri, infatti, Intel ha presentato il suo nuovo visore AR. Si chiama Daqri e, al contrario dei cugini HoloLens e Google Glass, è orientato al mercato industriale: aiuterà chi lo indossa ad avere maggiori informazioni, quali diagrammi, schemi e risoluzione di problemi, sovrapposte alla realtà mentre lavora, con funzionamento analogo a quello di altri visori dei quali abbiamo già parlato. Ovviamente, essendo firmato Intel, non abbiamo dubbi sulla potenza del device.

Il visore Daqri è solo una delle tante novità attese durante questa edizione del CES: non vediamo l’ora di scoprirle tutte.