Anche Nintendo ha intuito i benefici della realtà virtuale e propone un upgrade della consolle Switch in versione VR. Attraverso un nuovo Kit VR disponibile dal 12 aprile, Nintendo muove i primi passi in questa tecnologia. I primi giochi disponibili anche in realtà virtuale sono Super Mario Odyssey e The Legend of Zelda: Breath of the Wild.

Il Kit VR Nintendo Labo permette di tramutare la propria Nintendo Switch in visore VR con poche e semplici mosse. Basterà infatti assemblare il piccolo set di parti in cartone per creare l’headset dove verrà ospitata la propria consolle, per accompagnare l’utente in una completa esperienza immersiva di gioco. Oltre al set base è possibile aggiungere anche degli estrosi Toy-Con per favorire il divertimento soprattutto per giocatori più piccoli.

Purtroppo Nintendo Switch non è stata concepita per la realtà virtuale, non ha caratteristiche tecniche specifiche per questa tecnologia, perciò evidenzia parecchi limiti nell’uso VR. Tuttavia si tratta di un punto di partenza per Nintendo che offre un modo soft per entrare nell’universo della realtà virtuale, dichiaratamente alla portata di tutti, e pensato interamente per essere a prova di bambino.

Ancora una volta Nintendo punta al concetto di esperienza, all’inclusività e all’accessibilità, per proporre un uso della realtà virtuale che non ne esalti la sua componente tecnologica, ma che ne valorizzi il potenziale creativo e l’immediatezza dell’utilizzo.

VRKit il visore Microsoft Fai da Te

Avvistato in rete un nuovo visore in cartone Fai da Te targato Microsoft.

Il suo nome è VRKit, questo è quanto ci svela un’immagine apparsa sul web per pubblicizzare un Hackaton organizzato dal colosso Microsoft, che avrà luogo in Russia il 17 Ottobre.

Del visore in questione non si hanno molte notizie, da quello che è possibile dedurre dall’immagine possiamo dire che sarà senza dubbio un visore per la realtà aumentata, costituito da una scatoletta in cartone, pensata per ospitare al suo interno lo smartphone Lumia, e questa per il momento sembrerebbe essere l’unica differenza con i Cardboard di Google realizzati invece per Android.

Microsoft, cosi come Google con i suoi Cardboard, vuole regalare esperienze uniche e indimenticabili, in cui il virtuale si sovrappone al reale, ampliando il target di consumatori visto il basso costo del prodotto.

L’Hackaton organizzato da Microsoft in Russia, è finalizzato a raccogliere nuove idee e nuovi spunti sulla realtà aumentata. L’azienda con un post pubblicato sul suo sito ha promesso a tutti gli sviluppatori che interverrano di ricevere in premio un VRKit se presenteranno applicazioni originali e interessanti.

Per ora non ci sono altre informazioni disponibili sul visore, non si conoscono i tempi e le modalità di distribuzione del prodotto, non ci resta che attendere con ansia.