charnwood app

Ecco spiegato come utilizzare le app di realtà aumentata nel tuo business 

charnwood appPer realtà aumentata (o realtà mediata dall’elaboratore in inglese augmented reality, abbreviato “AR”), si intende l’arricchimento della percezione sensoriale umana mediante informazioni, in genere manipolate e convogliate elettronicamente, che non sarebbero percepibili con i cinque sensi.

Questa tecnologia consente di sovrapporre dati e immagini digitali al mondo fisico, creando una nuova interfaccia tra esseri umani e macchine. Mettendo le informazioni direttamente nel contesto in cui verranno applicate, la realtà aumentata facilita la nostra capacità di recepirle ed utilizzarle.

Si tratta di una delle tecnologie con il tasso di crescita più alto. Secondo le indagini dell’ International Data Corporation (IDC), ente che studia le tecnologie innovative digitali, la spesa mondiale per le tecnologie AR/VR toccherà i 215 miliardi di dollari nel 2021 con una crescita annua (CAGR) pari al 113,2%.

Ma quali sono i tre principali vantaggi dell’utilizzo della realtà aumentata, rispetto agli strumenti tradizionali?

  1. Migliora la VISUALIZZAZIONE delle informazioni: dispone le informazioni direttamente dove l’utente ha bisogno di trovarle, oppure fornisce una sorta di visione a raggi X per visualizzare particolari caratteristiche che non sarebbero individuabili ad occhio nudo.
  2. Arricchisce il MONDO REALE: la realtà diventa più facile da comprendere, grazie agli input digitali. Infatti aggiungendo elementi anche tridimensionali al mondo fisico è più semplice capire ed apprendere
  3. Consente l’INTERAZIONE con i prodotti: mediante l’utilizzo di device smart, questa tecnologia può migliorare l’esperienza d’uso del consumatore. L’esperienza emozionale che si regala al cliente permette di sviluppare relazioni con i prodotti e con i brand.

La realtà aumentata è fruibile con una grande quantità di device. Infatti si passa dall’oggetto che tutti abbiamo nelle nostre tasche, lo smartphone, ai sofisticatissimi, ma ancora poco diffusi, occhiali AR (o smartglasses). Questi ultimi trovano applicazione quasi esclusivamente in ambito manutentivo, in quanto proiettano le istruzioni direttamente sulle lenti, permettendo al tecnico di risolvere il guasto a mani libere.

Questa tecnologia sta vendendo sempre più adottata dalle aziende al fine di creare valore. Infatti la realtà aumentata, oltre ad essere uno strumento estremamente coinvolgente, può dare anche numerosissimi vantaggi tangibili alle imprese utilizzatrici. Ad esempio può portare al miglioramento della produttività aziendale, riducendo al minimo gli errori, oppure all’aumento delle vendite, dovuto alla riduzione del ciclo di vendita.

 

Campi d’applicazione della realtà aumentata

Per questo motivo i campi d’applicazione di questa tecnologia sono moltissimi. Passeremo in esame tutte le possibilità qui di seguito.

Esperienza AR

L’azienda può aumentare i suoi strumenti di marketing e di comunicazione potenziando i materiali cartacei con l’efficacia di video, modelli 3D, avatar e multimedialità.

Simulatore d’Arredo

Con un Simulatore d’Arredo un’azienda può aumentare i propri cataloghi e i propri kit di vendita permettendo ai propri clienti di vedere come appariranno i prodotti in scala reale, direttamente nell’ambiente in cui dovranno venir inseriti. Ed eventualmente completare l’ordine tramite e-commerce.

Supporto alla manutenzione

La realtà aumentata fornisce agli addetti alle riparazioni dati analitici e predittivi generati dal macchinario, li guida visualmente in tempo reale all’effettuazione delle riparazioni (tramite video o istruzioni interattive) e, condividendo ciò che viene inquadrato con il tablet, li mette in contatto con esperti che possono aiutarli ad ottimizzare le procedure. Pertanto è possibile anche effettuare le riparazioni a distanza, senza dover per forza andare allo stabilimento produttivo dell’azienda cliente.

Mappa Interattiva

Con l’augmented reality le mappe prendono vita e diventano interattive. In questo modo aiutano l’utente ad orientarsi in fiere, outlet, centri commerciali, città e siti turistici.

Bugiardino aumentato

La confezione stessa del prodotto può venir aumentata per spiegare come utilizzare il farmaco o il cosmetico, mostrando dei tutorial o indicando l’esatta posologia per ogni utente. I dati di utilizzo da parte dei clienti potranno venir registrati per permettere analisi successive.

 

Vuoi vedere degli esempi reali? Consulta le nostre Case History

Qualche mese fa è nata AR4all, una piattaforma di realtà aumentata dedicata a tutti. Il progetto, creato in partnership con Experenti, vuole rivoluzionare la comunicazione digitale delle aziende, consentendo agli utenti di interagire con qualsiasi prodotto.

Basta scaricare l’app gratuita ed inquadrare un logo, un’immagine, un prodotto e perfino un edificio, per visualizzare i contenuti che l’azienda ha deciso di condividere. Ad esempio è possibile visualizzare dei video informativi, visitare sito aziendale, sfogliare un catalogo, accedere a promozioni dedicate, acquistare il prodotto sulla piattaforma e-commerce… e non solo! L’applicazione è adattabile a qualsiasi business, dalle aziende strutturate ai punti vendita, dai ristoranti ai musei, permettendo di collegare il mondo fisico con quello digitale in modo molto intuitivo.

La piattaforma è adattabile a qualsiasi realtà anche per i costi contenuti, accessibili anche per le più piccole imprese. Il servizio infatti viene fornito con canone annuo o mensile, con la possibilità di configurare i contenuti in più di 20 lingue diverse.

Con quest’app Ar4all vuole trasformare la tecnologia della realtà aumentata in uno strumento di uso quotidiano. In questo modo può aiutare le persone ad interagire con ogni tipo di oggetto in maniera semplice ed immediata, ottenendo le informazioni di cui hanno bisogno senza bisogno di utilizzare i motori di ricerca. In un’era dove il sovraccarico di informazioni ci disorienta, AR4all ci fornisce ciò che ci serve davvero, con la modalità più immediata possibile.

Scarica subito l’app di AR4all, è disponibile gratuitamente su App Store e su Play Store e scopri subito i vantaggi della realtà aumentata. Per maggiori dettagli sulla piattaforma e sui prezzi, clicca qui.

Con la realtà aumentata le bottiglie del whiskey Jack Daniel’s prendono vita, regalando un’esperienza coinvolgente ai consumatori.

Jack Daniel’s è probabilmente il whiskey più famoso al mondo, emblema dello stile di vita americano. Le iconiche bottiglie rettangolari con etichetta nera sono ormai diventate una leggenda. Ora le bottiglie diventano anche testimoni della storia del brand, grazie alla nuova app in realtà aumentata, con cui magicamente prendono vita.

Jack Daniel’s sta lanciando un’app di Realtà Aumentata (AR) che porterà i consumatori in un viaggio virtuale della Jack Daniel Distillery attraverso una serie di animazioni in stile libro pop-up. Con più di 10 minuti di contenuti inclusi, i consumatori vivono un momento coinvolgente ricco di storie e immagini, che ricalcano il carattere del brand. L’app AR regala ai fan del marchio un arricchimento dell’esperienza di consumo, potendo scoprire segreti e curiosità sul brand mentre sorseggiano un buon bicchiere di whiskey.

Una volta scaricata l’app, i consumatori possono puntare i loro telefoni su qualsiasi bottiglia di Jack Daniel’s (da 50mL a 1.75L) per scoprire animazioni, voci fuori campo e tutte le storie che, da oltre 150 anni, rendono così speciale il marchio. Nel primo scenario l’etichetta anteriore nera prende vita, diventando così la scenografia della Distilleria in miniatura, in cui addentrarsi per scoprirne la struttura. Il secondo scenario è dedicato alla spiegazione passo dopo passo del processo di distillazione del Tennessee Whisky. Nel terzo, infine, si dà voce alla storia e alle leggende sul fondatore Mr. Jack.

“Nel mondo di oggi, è importante per noi raggiungere fan e consumatori ovunque si trovino”, ha dichiarato Jeff Cole, Modern Media Director di Jack Daniel’s. “Ciò significa condividere contenuti unici, interessanti e pertinenti attraverso una varietà di mezzi digitali. Nel 2016 abbiamo lanciato un’esperienza immersiva in realtà virtuale e nel 2018 abbiamo lanciato il nostro podcast ufficiale “Around the Barrel”. Questa nuova esperienza di AR sta portando lo storytelling del brand al livello successivo.”

casa-siemens-app-microreteCasa Siemens, la nuova sede italiana della multinazionale tedesca, è diventata un modello di sostenibilità. Situata in via Vipiteno a Milano, è stata dotata di una microrete intelligente della capacità complessiva di oltre 1 megawatt (MW). All’evento di lancio del progetto di riqualificazione energetica, la microgrid è stata illustrata attraverso l’app in realtà aumentata sviluppata da Experenti.

Un obiettivo chiaro quello di Siemens: la decarbonizzazione completa delle sedi di tutto il mondo. Grazie a questa tecnologia infatti le emissioni di Casa Siemens verranno ridotte del 50% entro il 2020, per poi essere eliminate completamente già entro il 2030. Si tratta di un programma globale imponente, dal valore di 100 milioni di euro, che farà della multinazionale tedesca una delle aziende più green del pianeta.

All’evento di presentazione della nuova configurazione energetica di Casa Siemens è stata utilizzata l’app in realtà aumentata che ha spiegato in modo intuitivo ai partecipanti la complessità dei flussi della microrete intelligente. Sulla mappa dello stabilimento sono stati evidenziati anche i punti principali dell’impianto come i pannelli fotovoltaici, la trigenerazione, il sistema di accumulo e la colonnina di ricarica delle auto elettriche.

Claudio Picech, Presidente e Amministratore delegato di Siemens Italia, ha dichiarato “In uno scenario caratterizzato dalla transizione energetica, diventa indispensabile realizzare infrastrutture sostenibili e più sicure. La digitalizzazione rappresenta un grande vantaggio per le reti, è essenziale alla decentralizzazione e consente di offrire sistemi energetici flessibili e resilienti. Oggi inauguriamo un nuovo modello di sistema energetico distribuito che in futuro sarà a beneficio di utility, imprese e società. Ci crediamo così tanto che lo facciamo innanzitutto a casa nostra con l’inaugurazione di una microrete che renderà la nostra sede sostenibile e a emissioni ridotte”.

La realtà aumentata sta diventando la tendenza più invidiata nel settore fashion. Molti marchi hanno deciso infatti di includerla nelle proprie app per permettere agli utenti di vedere i prodotti in anteprima. In questo modo i consumatori possono prendere decisioni più consapevoli, soprattutto quando l’acquisto viene fatto online.

Gucci, storico brand italiano del lusso, ha incluso nella propria app la possibilità di provarsi le scarpe attraverso il proprio smartphone. Per vedere l’effetto basterà solo scegliere il modello di sneakers della collezione Ace ed inquadrare i propri piedi con la fotocamera. In un attimo le scarpe selezionate compariranno proprio sopra ai piedi. Successivamente, collegandosi al sito web gucci.com, i clienti possono acquistare immediatamente le sneaker Ace che preferiscono. Gli utenti possono anche scattarsi selfie con i loro modelli Ace preferiti “indossati” per poi condividerli sulle piattaforme social.

La nuova tecnologia consentirà a Gucci di presentare in anteprima i modelli più recenti ai suoi fan, offrendo loro la possibilità di provarle virtualmente prima del lancio ufficiale. Un’esperienza coinvolgente e interattiva che andrà a rafforzare non solo il rapporto tra brand e consumatore ma anche la capacità di vendita.

Da più di 85 anni i mattoncini Lego ispirano e plasmano i costruttori di domani, permettendo di dare forma alle idee creative dei più piccoli e non solo. Nel grande universo del brand presto sarà disponibile una nuova linea di set, Hidden Side, con cui sarà possibile accrescere l’esperienza di gioco con la realtà aumentata.

Questi otto set permettono interazione tra il mondo fisico, la costruzione di mattoncini, e quello virtuale, l’app in realtà aumentata che sarà disponibile sia per i dispositivi Apple sia per Android. I set ricostruiscono gli edifici della città di Newbury (una scuola, un laboratorio, un cimitero, un ristorante, un’imbarcazione, uno scuolabus, un fuoristrada e un treno), in cui due ragazzini Jack e Parker, cominciano a notare eventi strani. Anche la loro insegnante nota qualcosa che non va nella cittadina e decide di inventare un’applicazione per catturare gli spiriti che infestano la città. Perciò attraverso lo smartphone, l’utente potrà aiutare i protagonisti ad individuare i fantasmi nelle varie sale delle costruzioni per poi eliminarli. Basterà solo inquadrare con la fotocamera per scannerizzare le varie parti del set Lego.

I responsabili della linea Hidden Side Murrey Andrews e Luis Gomez spiegano: “Abbiamo lavorato due anni per assicurarci che il mondo fisico e quello digitale interagiscano in una nuova Lego experience, senza soluzione di continuità. Un gioco fluido, appunto. Non volevamo creare un gioco per smartphone, ma offrire un’esperienza che, dal digitale, riconducesse costantemente alla fisicità delle costruzioni”.

Per il decennale del riconoscimento UNESCO: le Dolomiti ora visibili anche con la realtà aumentata

Buon compleanno, Dolomiti! Sono trascorsi 10 anni da quando il 26 giugno 2009 UNESCO dichiarò Patrimonio Mondiale le nostre montagne. Per festeggiare quest’importante ricorrenza oggi a Cortina d’Ampezzo si celebrerà il Dolomiti Day una grande festa che proseguirà per tutta l’estate, grazie ad un calendario di oltre 140 eventi.

In occasione della ricorrenza, le Dolomiti entrano nell’era digitale con una nuova ed innovativa app AR. Grazie alla realtà aumentata si potranno meglio comprendere la complessa geologia e capire le enormi trasformazioni che hanno portato atolli tropicali di un mare di oltre 200 milioni di anni fa a diventare le montagne più belle del mondo. L’app Dolomitime è stata sviluppata da Experenti è già disponibile gratuitamente negli store Android e iOS.

A Cortina d’Ampezzo i festeggiamenti del Dolomiti Day inizieranno dalle ore 11.00 di mercoledì 26 giugno in Piazza Dibona. Una giornata di parole, musica e sapori: concerti, incontri e una tavola collettiva a cura di chef stellati e del territorio, oltre alla presentazione di nuovi progetti, fra cui quello per salvare i Serrai di Sottoguda dopo la tempesta Vaia.

Conoscere e curarsi dei luoghi dove si è nati non significa solo difenderli e preservarli, ma anche saperli raccontare alle generazioni che verranno. “Essere cittadini di un luogo come il nostro – prosegue Marcella Morandini, Direttore della Fondazione Dolomiti UNESCO – significa interpretare un senso di cittadinanza attiva e responsabile”.

Qualche giorno fa è stato lanciato per Android e iOS un nuovo gioco in realtà aumentata Harry Potter: Wizards Unite, ispirato all’universo magico ideato dalla scrittrice J.K. Rowling.

Dopo 3 anni dal lancio di Pokemon GO, che ad oggi è riuscita a guadagnare oltre 2,5 miliardi di dollari, lo sviluppatore Niantic ha deciso di cavalcare l’onda della realtà aumentata, proponendo una nuova app dedicata ai Potterhead e non solo.

Il compito del giocatore, nuova recluta dell’Unità Speciale dello Statuto di Segretezza capeggiato da Harry Potter stesso, è quello di incamminarsi nella propria avventura magica. Dovrà opporsi ad una calamità che ha colpito il mondo magico causando lo smarrimento di manufatti, animali, persone e ricordi, catapultati nel mondo dei Babbani. Esattamente come in Pokémon Go, anche in Wizards Unite il giocatore è chiamato a muoversi nel mondo reale per scovare e catturare le creature magiche, dette Soqquadri, ma anche per fermarsi nelle locande e ricaricare il suo potere magico, nelle serre (per ottenere gli ingredienti delle pozioni) e nelle Fortezze.

Harry Potter: Wizards Unite è disponibile per iOS e Android dal 21 giugno e ha già generato 400.000 download e 300.000 dollari di guadagni nella giornata di debutto, pur essendo ovviamente gratuito. Sembra ci siano tutti i presupposti per bissare il successo del predecessore Pokemon GO.

“Per i fan del mondo dei maghi inizia un viaggio meraviglioso, che li porterà a vivere grandi avventure virtuali nel mondo che li circonda”, ha dichiarato John Hanke, fondatore e CEO di Niantic. “Il gioco è il frutto di tutta l’esperienza raccolta negli ultimi sette anni di eccellenza nel settore della realtà aumentata e del game design applicato al mondo reale.”

Questa tipologia di esperienza può essere utilizzata anche nel business, ad esempio in ambito fieristico. Experenti infatti ha da poco sviluppato Festival GO, l’app che permetteva ai visitatori del Web Marketing Festival di interagire con gli espositori e di trovare i pianeti disseminati nel Palacongressi di Rimini. La realtà aumentata accoppiata alla geolocalizzazione è un trend che sta interessando un po’ tutti i settori, in quanto permette di incrementare l’engagement dell’utente.

Harry Potter: Wizards Unite | Launch Trailer

Si è concluso sabato il Web Marketing Festival, la più grande manifestazione sull’Innovazione Digitale e Sociale, che quest’anno ha incluso anche Festival GO, un’app in realtà aumentata sviluppata da Experenti.

La 7^ edizione del Festival, tenutasi il 20, 21 e 22 giugno 2019, ha coinvolto più di 500 speaker per 55 sale formative differenti, raccogliendo circa 20.000 presenze. Oltre 70 sono stati gli eventi di intrattenimento, show, arte, cultura, business e networking su temi come: Web Marketing, Imprenditorialità, Innovazione, Digital Transformation, Sostenibilità, Robotica e tanti altri.

Festival Go è una caccia al tesoro nell’area espositiva del festival. L’utente, in base al percorso assegnato, doveva trovare tutti gli espositori richiesti nel più breve tempo possibile. Per ogni tappa, dopo aver inquadrato il giusto marker, compariva una domanda riguardante il business dell’espositore. In questo modo l’azienda poteva aiutare i partecipanti a rispondere correttamente alla domanda svelando anche qualche altro dettaglio dell’attività o spiegando promozioni speciali per il festival. Inoltre trovando i tre pianeti all’esterno del Palacongressi, si potevano accumulare ancora più punti da sommare al punteggio totale. Per il vincitore è stata messa in palio un posto alla WMF Summer School, una settimana di vacanza-formazione a Monasterace (RC) dal 31 agosto al 7 settembre.

Durante il Web Marketing Festival Experenti ha partecipato anche con uno stand in area expo, dove i partecipanti hanno potuto provare le nostre esperienze in realtà aumentata e in realtà virtuale, e con uno speech tenuto dal CEO Amir Baldissera intitolato “Le nuove frontiere della realtà virtuale: quando la formazione diventa una sfida. Il caso Takeda Virtual Lab”.

I famosi Angry Birds hanno ormai conquistato ogni media: dal gioco per smartphone, al cinema. Da oggi diventano anche i nuovi pionieri dell’innovazione digitale: il nuovo gameplay Angry birds: Isle of Pigs è basato interamente sulla realtà aumentata.

Il gioco AR, lanciato in esclusiva per iPhone, porta i giocatori in un’isola sperduta dove i malvagi suini verdi vanno in vacanza in oltre 40 livelli  (e altri arriveranno in futuro). A far da sfondo ci sarà il mondo reale ripreso dalla fotocamera dell’iPhone. Le ambientazioni spaziano dalla giungla al deserto per finire nei territori ghiacciati dell’isola, dove gli uccellini protagonisti dovranno ottenere il massimo delle stelle e recuperare le uova rubate. Ai giocatori basterà solo prendere in mano la fionda per lanciare i personaggi di Angry Birds contro strutture che sembrano trovarsi nell’ambiente reale, che si tratti di casa, dell’ufficio o di un parco.

Grazie alla realtà aumentata è possibile muoversi fisicamente tra le strutture, per scovare punti deboli e angoli ideali per i lanci più precisi, ma anche per trovare sorprese nascoste per sfidare i maiali verdi, ottenere più punti e sbloccare contenuti. Gli utenti possono anche aumentare o ridurre lo spazio di gioco per adattarlo al proprio e personalizzare così l’esperienza.

Al momento il gioco è disponibile solo per Apple (dispositivi iOS da iPhone 6s in poi) anche se la software house finlandese Rovio ha indicato di star esplorando altre piattaforme come Android.