La realtà aumentata trasforma i suoni in sculture digitali

/ / arte, Realtà Aumentata
arte 3d suoni realtà aumentata

Usare la realtà aumentata per diventare “scultori” sarebbe già una novità, ma riuscire a creare opere visuali solo con la voce può essere un’esperienza davvero stupefacente. Le opere d’arte in realtà aumentata hanno già mostrato la peculiarità di far comunicare in modo diverso, molto più interattivo, l’artista e il suo pubblico, modificando in tempo reale la percezione dello spettatore e facendolo, spesso, partecipare al processo creativo (come risulta chiaro dai casi dei tatuaggi 3D e delle opere dinamiche plurisensoriali). L’applicazione per iPhone in realtà aumentata Konstruct, ideata dal new media artist James Alliban e dalla digital designer Juliet Alliban, fa un passo ulteriore, facendo coincidere l’artista e lo spettatore, mentre l’esperienza creativa ha una caratteristica molto particolare: l’unico strumento a disposizione è la voce, ma l’opera prodotta è una composizione di forme geometriche colorate e tridimensionali.

opera d'arte 3D realtà aumentata Konstruct

Un’opera d’arte visivo-sonora creata con l’app in realtà aumentata Konstruct. Fonte: http://apps.augmatic.co.uk/konstruct

Dopo aver scaricato sul proprio dispositivo Konstruct, è necessario stampare un apposito marker, che serve per avviare l’applicazione; all’inizio il sistema chiede all’utente-artista di scegliere una tra diverse palette di colori, e di associarla a un set di forme geometriche tra quelli disponibili (e combinabili tra loro), per poi decidere una serie di impostazioni visivo-sonore, come il livello di sensibilità al rumore. A questo punto, premendo il pulsante “paint” e inquadrando il marker con la videocamera, la realtà aumentata dà inizio alla magia creativa: parlando, fischiando o cantando sul microfono dell’iPhone, vengono prodotte delle sculture colorate tridimensionali, in cui la scala delle forme è determinata dal volume della voce, e il ritmo e altre caratteristiche del suono influenzano l’aspetto visivo dell’opera; quest’ultima, infine, può essere immortalata in una fotografia e conservata nella galleria del dispositivo.

L’intersezione di sfere sensoriali diverse nell’arte è una delle aree concettuali che più affascinano gli artisti, specialmente da quando il mondo digitale ha dato loro nuove possibilità espressive.  La realtà aumentata, in più di un’occasione, si sta dimostrando uno degli strumenti più efficaci per coinvolgere attivamente anche il pubblico in esperienze artistiche e creative che interrogano i sensi in modi nuovi e sorprendenti.

Konstruct from James Alliban on Vimeo.

Fonte: http://apps.augmatic.co.uk/konstruct