Nella fase 2 la moda diventa sempre più smart con la realtà aumentata

/ / Fashion e Beauty con Realtà Aumentata

L’avvento del coronavirus ha messo in crisi uno dei settori più importanti del mercato italiano: la moda. Sfilate cancellate, shooting bloccati, campagne vendita sospese, negozi chiusi per più di due mesi, sono solo alcuni dei disagi che la pandemia ha portato al mondo del fashion.

Ora con la fase 2, il settore è pronto a ripartire ma non tutto tornerà subito come prima. Pertanto l’e-commerce giocherà un ruolo ancora molto importante durante questo periodo, però ha bisogno di essere più efficiente. Per aumentare le vendite la moda ha la necessità di reinventarsi, infatti molte case di moda stanno investendo nella realtà aumentata.

La realtà aumentata al servizio della moda

Il colosso low cost Asos ha integrato la realtà aumentata nelle pagine dei prodotti della propria app. Prima i capi venivano mostrati su modelli in carne e ossa, ora saranno sei avatar creati digitalmente a indossare fino a 500 capi a settimana. Basterà scegliere quello che assomiglia di più al proprio aspetto fisico per poi fargli provare tutti i capi prima dell’acquisto.

La boutique fiorentina Luisaviaroma ha annunciato qualche giorno fa l’app MOD4, che rende lo shopping online un gioco interattivo. I clienti possono creare i propri avatar, collezionare i loro articoli preferiti e socializzare con altri utenti con vere e proprie fashion challenge.

Yoox sta utilizzando, ormai da qualche anno, l’app YOOMIRROR realizzata combinando Intelligenza Artificiale e Realtà Aumentata. Il ritratto selezionato viene digitalizzato per generare un avatar 3D personalizzato, sui cui provare tutti i capi presenti nell’e-commerce. Con questa tecnologia gli utenti potranno esplorare il meglio dell’offerta moda di YOOX in modo personalizzato, interattivo e coinvolgente.

Anche Gucci ha combinato la realtà aumentata e l’Intelligenza artificiale per permettere ai consumatori di provare virtualmente la sua linea di scarpe da ginnastica Ace. Tutto ciò che gli acquirenti devono fare è puntare la fotocamera del loro smartphone ai loro piedi e le sneakers virtuali appariranno magicamente sopra di essi.

Burberry ha lanciato uno strumento AR, in partnership con Google, che consente agli utenti di avere un’idea migliore delle caratteristiche del prodotto prima di acquistarlo online. Cercando la borsa Burberry Black Tb o le sneakers Arthur Check su Google, gli utenti potranno vedere in 3D a dimensioni reali nel proprio ambiente.

Il gruppo Marzotto, leader nella produzione di tessuti per la moda, sta utilizzando la realtà aumentata per la campionatura dei tessuti. Le visite agli showroom fisici infatti saranno fortemente contingentate, perciò l’azienda sta esponendo i campioni online. Per vedere più nel dettaglio le trame dei tessuti, in lino, in cotone o in lana, verrà utilizzata l’AR.