CES 2016 ended some days ago and left us speechless as usual. This year the alternative realities fans enjoyed it even more, since it’s been inaugurated the Augmented Reality Marketplace, a space entirely dedicated to this theme. And in fact we weren’t disappointed.

One of the leading news came from Google and Lenovo, that during the event announced a pretty interesting partnership that will see them producing a new smartphone, a phablet, the first with Project Tango‘s 3D mapping technology. The objective is clearly to start a new generation of smart devices that could be optimized also for the use of augmented reality and 3D indoor mapping.

The new device wasn’t showed at CES, but some details have been unveiled: since of the dimensions, a wide screen around 6 inches (15 centimeters), it will be a phablet; the cost will be reasonable, remaining under $500, and we will see it on the market probably already from mid-year.

Johnny Lee, leader of Project Tango, in a speech also explained some possible uses for the new device: from helping consumers find their way in a large hotel or mall to taking precise measurements of a room before shopping for furnishings, all this related to the fact that Project Tango’s technology, on the opposite of the GPS one, works also in indoor spaces. Lee told us more: Project Tango “transforms the smartphone into a magical window on the world” and uses depth sensing and motion tracking to create on-screen 3D experiences.

As a whole, this is a pretty important step both for Lenovo, Chinese tech giant, that with this project officially enters the USA market, and for Google, that finally will be able to give a brand new device to the developers for his pretty ambitious Tango technology.

Il CES 2016 si è concluso e ci ha lasciati come sempre a bocca aperta. Quest’anno, poi, per gli appassionati di realtà alternative non poteva essere altrimenti, visto che era stato addirittura inaugurato l’Augmented Reality Marketplace, dedicato interamente a questo tema. E infatti non siamo rimasti delusi.

Una delle news di spicco ci è arrivata da Google e Lenovo, che durante la manifestazione hanno annunciato una partnership molto interessante, che li vedrà impegnati nella produzione di un nuovo smartphone, probabilmente un phablet, il primo con la tecnologia di mappatura 3D di Project Tango. L’obiettivo non dichiarato è ovviamente quello di dare il via a una nuova generazione di dispositivi smart che possano essere ottimizzati anche per l’utilizzo di realtà aumentata e mappatura 3D degli interni con tutti gli usi che ne conseguono.

Il nuovo device non è stato mostrato al CES, tuttavia ne sono stati svelati alcuni dettagli: viste le dimensioni, con schermo largo attorno ai 6 pollici (15 centimetri), si tratterà di un phablet; il costo sarà abbordabile, rimanendo sotto i 500$, e lo vedremo sul mercato probabilmente già a partire dalla metà dell’anno.

Johnny Lee, leader di Project Tango, in un intervento ha inoltre spiegato i possibili utilizzi del nuovo device: dall’orientarsi in un grande hotel o in un centro commerciale al misurare i propri ambienti prima di uscire per acquistare il mobilio, tutto questo legato al fatto che la tecnologia di Project Tango, al contrario di quella GPS, funziona anche negli spazi chiusi. Lee ci dice di più: Project Tango “trasforma lo smartphone in una finestra magica sul mondo” e usa i sensori di profondità e il tracciamento di movimento per creare un’esperienza 3D sullo schermo.

Nel complesso, si tratta di un passo molto importante sia per Lenovo, gigante cinese della tecnologia, che in questo modo farà il suo ingresso ufficiale nel mercato USA e successivamente in quello europeo, che per Google, che finalmente potrà fornire un nuovo device agli sviluppatori per questo progetto decisamente ambizioso.

Polaroid nostalgic, this is your moment: with the expansion of mobile photography and a world every day more connected and fast, the instant print of the pictures is coming back. Actually there are some different possibilities on the market, and today we present you a particular one: its name is Prynt and it is a smartphone case with integrated micro-printer and an augmented reality feature!

The first prototype came out at the beginning of the year, collecting the interest of gadget fans; its Kickstarter campaign had incredible results: in few time it reached and passed the $50.000 goal, collecting no less than $1,5 M, becoming also the most successful French-produced Kickstarter campaign ever.

More in detail, Prynt is a case adaptable to the most famous smartphone’s models transforming them in a true Polaroid-style camera; the case makes it possible to take digital pictures and to print them straight away. The integrated micro-printer doesn’t need electricity since it uses the Zink technology (well known by the fans of instant prints), that develops the pictures on a special paper using heat.
In the past we already saw micro-printers appearing (and unluckily also fast disappearing) on the market, but Prynt seems to have that extra oomph: it is augmented reality. The pictures printed with the case, in fact, can be focused with the smartphone and a special app to see short videos appearing on them.

Prynt can be ordered on the official site and for now is compatible with iPhone 6/6S/5/5s/5C and Samsung Galaxy S4/S5, but soon it will open also to other models.

 

Nostalgici della Polaroid, questo sembra essere il vostro momento: con l’espandersi della fotografia da mobile e un mondo sempre più connesso e veloce, la stampa istantanea delle immagini sta tornando alla ribalta. Le possibilità sul mercato sono ormai diverse, ma oggi ve ne presenteremo una in particolare: si chiama Prynt ed è un case per smartphone con micro-stampante inclusa e feature a realtà aumentata!

Il primo prototipo era uscito a inizio anno, raccogliendo l’interesse degli appassionati di gadget; la relativa campagna su Kickstater aveva avuto un risultato incredibile: in poco tempo aveva raggiunto e superato il goal di 50.000$, raccogliendone infine ben 1,5 milioni e diventando così la campagna francese su Kickstarter con più successo di sempre.

In pratica Prynt è una custodia per cellulare adattabile ai modelli più in voga di smartphone, che li tramuta in una vera e propria macchina fotografica simil-Polaroid; il case permetterà all’utente di scattare fotografie digitali che potranno però essere stampate all’istante. La micro-stampante integrata non ha bisogno di elettricità poiché utilizza la tecnologia Zink (già conosciuta dagli appassionati del genere), che sviluppa le immagini su una speciale carta grazie al calore.
Se già in passato abbiamo visto micro-stampanti per fotografia apparire (e purtroppo scomparire presto) sul mercato, Prynt ha una marcia in più: la realtà aumentata. Infatti le immagini stampate grazie al nostro case potranno essere inquadrate tramite smartphone e apposita app per vederle prender vita e visualizzare brevi video.

Prynt può essere ordinata sul sito dei produttori ed è compatibile per il momento con iPhone 6/6S/5/5s/5C e Samsung Galaxy S4/S5, ma presto si aprirà anche ad altri modelli. .

E’ Ferragosto, siamo in vacanza e abbiamo un po’ più di tempo a disposizione: in attesa di avere finalmente per le mani un visore per realtà virtuale o realtà aumentata, perché non provare a divertirsi con il proprio smartphone? Dai videogiochi all’arredo al makeup, esistono tante app da scaricare per provare la realtà aumentata sui vostri dispositivi mobile, per esempio quella di Experenti, che potete trovare in scaricamento free per Android e iOS e provare con le apposite schede di esempio.

Ora potete provare a divertirvi anche a trasformare il vostro dispositivo mobile in un proiettore di ologrammi grazie al video tutorial creato da Mrwhosetheboss, diventato virale in pochissimo tempo.

I materiali sono comuni e bastano pochi passi.

Avrete bisogno di:

– carta millimetrata

– penna

– custodia di un cd

– scotch

– coltello

– forbici

– smartphone

Seguite il video per:

– disegnare e ritagliare un trapezio sulla carta millimetrata

– usare il trapezio per trasporlo sulla custodia del cd

– creare quattro di queste forme e incollarle insieme per creare una specie di lente

Ora non rimane che andare al link del video demo presente nella descrizione del video sopra, porre la lente sullo schermo dello smartphone e rimanere a bocca aperta.

It’s August, most of us are in holidays and have some more available time than usual: while waiting to finally get in our hands a virtual reality or augmented reality headset, why don’t we try having fun with our smartphone? From videogames to furnishing, to makeup, there are many apps to download for trying augmented reality on your mobile devices, e.g. Experenti’s one, that you can download for free for Android and iOS and test with our example tags.

Now you can also have fun transforming your mobile device in a hologram projector thanks to the video tutorial created by Mrwhosetheboss, that became viral in no time.

The materials needed are pretty common and it’s very easy to build.

You will need:

– graph paper

– pen

– cd case

– tape

– knife

– scissors

– smartphone

Follow the video to:

– draw and cut a trapezoid on the graph paper

– use the shape to draw the trapezoid on the case

– create four of these shapes and tape them together to build a lens

Now you just have to go to the video-demo link in the description of the tutorial, put the lens on your smartphone’s screen and prepare to be surprised!

Vi piacerebbe provare rossetti blush, ombretti, sul vostro viso senza truccarvi e struccarvi per testare le diverse varianti di colore?

Adesso potete farlo grazie alla rivoluzionaria beauty App lanciata da L’orèal Paris!

Si chiama Make-up Genius l’innovativo simulatore di Make-up in realtà aumentata, realizzato dalla nota azienda francese, capace di trasformare il vostro smartphone in uno specchio nel quale riflettervi e come per magia provare sul vostro viso non solo tutti I prodotti di make-up di L’orèal Paris, ma anche i beauty look realizzati per voi dai migliori artisti del trucco. Ma non finisce qui, sarà inoltre possibile accedere agli esclusivi tutorial di L’orèal Paris.

Una volta inquadrato il vostro volto con la fotocamera dello smartphone e indossato i trucchi desiderati, cosa succede se vi muovete? Il Make-up si muove con voi fino a 60°, come se vi foste realmente truccate, tutto ciò avviene mediante l’utilizzo della realtà aumentata!

A differenza dei simulatori di make-up già esistenti, che riproducono un trucco statico su un’immagine fissa,  con Make-up Genius non è necessario prima scattare una foto e poi ritoccarla, ma il tutto avviene in tempo reale grazie alla realtà aumentata,  e soprattutto con prodotti realmente esistenti che potrete decidere di acquistare o meno.

Grazie all’innovativa tecnologia utilizzata la beauty App di Lorèal Paris è capace di seguire i movimenti e di catturare oltre cento espressioni del viso, ed è addirittura in grado di rilevare la texture della vostra pelle per offrirvi una modellazione 3d del tutto realistica, in più l’App è indicata per qualsiasi tipo di pelle, utilizzabile quindi da persone di tutte le etnie. Il bello di questa applicazione è che il vostro dispositivo mobile assume tutte le caratteristiche di uno specchio vero e proprio, ad ogni movimento reale corrisponderà una risposta dello smartphone, potrete quindi sbizzarrivi nello sbattere le ciglia, sorridere, fare un’occhiolino.

Con Make-up Genius, il virtuale entra nel reale con la realtà aumentata, regalando un risultato incredibile!

L’orèal Paris, vi apre cosi le porte del suo universo beauty,  offrendovi l’opportunità di scoprire e testare i vari prodotti e i vari colori ancor prima di comprarli, vi regala inoltre la possibilità di acquistare online istantaneamente ciò che si desidera.

Curiose di vedere come funziona? Guardate il video esplicativo.

Non vi resta che provare questa emozionante e unica esperienza che rivoluzionerà il vostro mondo del make-up!

Spesso le nuove tecnologie legate alla Realtà Aumentata, dagli wearables agli headset, alle app, partono da campagne di crowdfunding su siti come Kickstarter per avere i fondi iniziali e diventare realtà. Abbiamo parlato di casi molto famosi che hanno avuto grande successo, ma non per tutti è così: per un numero limitato di ambiziosi progetti che la rete decide di finanziare, ce ne sono centinaia che invece non riescono a partire. Tuttavia, questo non significa necessariamente che il progetto non vedrà mai la luce o avrà successo in altro modo.

E’ il caso di “Clandestine: Anomaly“, videogioco mobile che, sullo stile di Ingress, tramuta il mondo circostante nel set di uno scontro tra fazioni in una battaglia fantascientifica. Nonostante la campagna su Kickstarter non fosse decollata, e quindi avesse dovuto essere interrotta, i creativi di ZenFri non si sono arresi ed hanno trovato altre vie.

Così, proprio in questi giorni, è stata annunciata la release dell’augmented videogame che ci vedrà protagonisti di una guerra tra mondi. In pratica una nave aliena si è schiantata nella zona, miracolosamente lasciando intatta la nostra abitazione; da quel momento il nostro smartphone capterà segnali che ci immergeranno un una guerra fantascientifica che si svolgerà proprio nei luoghi che ben conosciamo, quelli dove abbiamo vissuto e magari siamo anche cresciuti.

 

Ecco la trama ufficiale, tradotta dal sito: “Dopo che il tuo cellulare è stato violato da una misteriosa ed avanzata tecnologia aliena, sei stato catapultato nel mezzo di una guerra intergalattica. Anche se non sei addestrato, non hai esperienza, autorizzazione e capacità di navigare nella battaglia interstellare, il tuo coinvolgimento è di primaria importanza per decifrare gli indizi nella tua zona e non solo. Svelare un mistero multi-dimensionale, sta a te agire.”

“Clandestine: Anomaly” è ideato e creato da ZenFri e verrà lanciato questo mese nella versione iOS; non c’è ancora una data precisa, invece, per Android, ma sembra comunque che seguirà a ruota.

Qui sotto il trailer ufficiale:

You enter a cafè and the background song is not new to you, but a memory lapse is preventing you from remember title and singer. It’s on the tip of your tongue, but it seems impossible to recall it. How to do? Of course turning on Shazam, the mobile app that recognizes music. But what if you want to know more about a place or maybe a painting? From now you can use Shazam for this too.

The news came out at the beginning of the year: the Shazam Team was working on a new feature to recognize not only music but objects too. Now this function is reality thanks to its latest update: the famous music recognition app now can read objects, QR codes, products and advertising through our smartphones’ camera.

Basically it will be possible, wherever Shazam’s logo will be visible, to just focus the product and open links to related pages or to see special contents created with Augmented Reality appear; this new feature is called “Visual Shazam” and it’s available in free download for iPhone and iPad.

The Londoner company for the occasion partnered with some important brands, as Time, Condé Nast , Levi’s, Guerlain, Hearst, Harper Collins and, last but not least, with Disney for the promotion of their new movie, “Tomorrowland.”

shazam-visual-shazam-object-recognition-750x421

Moreover, the company wants to adapt this new technology to the world of wearables, e.g. smartwatches.

What for Shazam is a news, for Experenti has been reality for some time: it’s called Experiential Marketing and it’s the field in which we are specialized from many years, connecting Marketing strategies to Augmented Reality. You want to try yourself the technologies we are talking about? You just need our app (freely available for Android and iOS), a smartphone and our Media Kit: focus our material and be prepared for the surprise 😉

Entrate in un bar e la canzone in sottofondo non vi è nuova, ma un vuoto di memoria vi impedisce di ricordarne titolo e autore. Ce l’avete sulla punta della lingua, ma proprio non c’è verso di farvela tornare in mente. Come fare? Ovviamente accendendo Shazam, l’app mobile che riconosce la musica. E se invece si trattasse di un luogo o magari di un quadro? Da adesso potrete usare Shazam anche per questo.

Lo avevamo già annunciato in un precedente articolo e finalmente ora questa funzione è disponibile: Shazam, la celebre app di riconoscimento musicale, con l’ultimo aggiornamento è in grado di riconoscere oggetti, codici QR, prodotti e pubblicità tramite la telecamera del nostro smartphone.

In pratica sarà possibile, dove presente il logo Shazam, inquadrare il prodotto ed aprire link di pagine ad esso collegate o veder apparire contenuti speciali in Realtà Aumentata; questa nuova feature si chiama “Visual Shazam” ed è disponibile da scaricare gratuitamente per iPhone ed iPad.

La compagnia londinese ha attivato per l’occasione diverse importanti collaborazioni, tra cui quelle con Time, Condé Nast , Levi’s, Guerlain, Hearst, Harper Collins e, ultima ma non ultima, quella con Disney per la promozione del suo nuovo film, “Tomorrowland.”

shazam-visual-shazam-object-recognition-750x421

Inoltre, la compagnia vuole adattare questa nuova tecnologia anche al mondo dei gadget indossabili, come ad esempio gli smartwatches.

Quel che per Shazam è una novità, per noi di Experenti è realtà già da tempo: si chiama Marketing Esperienziale ed è il campo nel quale operiamo da diversi anni, unendo strategie di Marketing alla Realtà Aumentata. Volete provare con mano quello di cui stiamo parlando? Vi bastano la nostra app (disponibile gratuitamente per Android e iOS), uno smartphone ed il nostro Media Kit: inquadrate e preparatevi a rimanere a bocca aperta 😉