Expo 2015 si è appena conclusa e anche noi di Experenti ne abbiamo fatto parte: in occasione di questo evento, infatti, abbiamo creato un’app che ha aumentato i percorsi culturali, naturali, agroalimentari di una bellissima regione del Nord-Italia, il Veneto.

L’app si chiama “Veneto Experience” ed è stata creata per applicare il marketing esperienziale alla promozione del territorio: grazie alla realtà aumentata sarà possibile conoscere la storia e i prodotti d’eccellenza del Veneto, scegliendo l’itinerario che fa al caso nostro.

Come funziona? Semplice! Basta trovare i material visual legati all’iniziativa e scaricare l’app, disponibile gratuitamente per Android e iOS; a questo punto sarà necessario inquadrare i TAG presenti su flyer e materiali promozionali e…vivere l’esperienza di esplorare in modo innovativo e interattivo il territorio ricco di risorse di questa meravigliosa regione!

– Volete curiosare tra tutti i luoghi disponibili? L’app presenta mappe con POI (points of interest) dinamici: inquadrando con il vostro dispositivo mobile, l’apposita mappa del Veneto prende vita indicando i vari punti di interesse; a lato troverete un menù per scegliere le categorie a vostro piacimento: potete visualizzare i pin relativi a natura, arte e cultura, industria, artigianato, agroalimentare o servizi turistici.
Toccando il pin desiderato sullo schermo, apparirà un pop-up in realtà aumentata con le informazioni sul luogo e le immagini da scorrere.

– Prima volta in Veneto e non sapere cosa scegliere? Veneto Experience viene in vostro aiuto: oltre ai POI tematici, l’app dà la possibilità di scegliere anche tra quattro diversi itinerari fissi, studiati per mettere in risalto altrettante eccellenze.

– Se questo non fosse abbastanza, ecco un’altra feature che vi lascerà a bocca aperta: avete presente il leone alato, simbolo di Venezia? Ebbene, sarà la vostra guida d’eccezione! All’interno dell’app troverete infatti un assistente virtuale in realtà aumentata con queste sembianze; il leone veneziano risponderà alle vostre domande e vi aiuterà a creare la mappa su misura per voi, guidandovi tra interessi, argomenti e zone.

Good news! Today we welcome another client among our collaborations: meet Corà Parquet, company leader in the world of wood products and flooring in Italy, and their new, emotive and experiential promotion.

Experenti created for them the application called “Corà Parquet Live”: thanks to augmented reality, through the app you will be able to browse Corà’s entire products catalogue directly on your smartphone or tablet, using your real indoor ambient and rooms as landscape, so to have a preview of what the result will be.

You will be also able to compare the different products, to take pictures and to ask via mail all the information you need about them.

One of the best parts is you will not be alone in your “augmented” adventure discovering the world of Corà: you will have the company of Arte, an avatar who will come to life in front of your eyes to become your virtual assistant and help you choose the very right product for you.

Do you want to try this new application and to know better Corà’s catalogue?

You can download for free the app, available for iOS and Android, and the tag we prepared for it (you will find it also on the dedicated section of the company site or on the last page of their catalogue Corà Parquet 2016); then you just need to focus on it with your mobile device and an unforgettable experience will start: just choose between the different ranges of products or colors available and you will see your new wooden floor directly in your room.

Ready for WOW? Let us take you on a trip for an Experenti experience, where real and virtual world are meeting to leave you speechless!

Varnish lovers, read here: have you always wanted to see the effect of that marvelous nail polish before being home and try it on? Now it is finally possible!

The nail varnish experts at Sally Hansen, #1-selling nail color and nail care brand in the US, know your problem and decided to help you with a new app…and augmented reality, of course!

The app is named ManiMatch, it’s available for free download for iOS (you can find it here) and has been launched in a pop-up bar in SoHo just some days ago. It works in a pretty simple way: you just have to put your hand on a neutral color surface, as white or another thin shade, and to focus it with your mobile device on which the app is installed; ManiMatch then will scan the hand and your skin tones and it will choose the perfect varnish tone for you.

“Everyone of course has different undertones and contrasts with the colors, so it’s important to be able to try it on,” Madeline Poole, Sally Hansen’s global color ambassador and trend expert, said. “You might try on a shirt. It looks amazing on a rack, but when you try it on, it washes you out, or it doesn’t bring out the color of your eyes or your hair or whatever, so it’s the same kind of concept.”

If for you the app’s advice is not enough, you can anyway freely surf the catalogue of products, in which you will find around 200 different shades; the products can be found even browsing them for categories or characteristics and then they can be purchased directly from the smartphone.

It will be also possible to try the colors while in the shops scanning the barcodes on the varnish bottles and to enjoy fabulous nail art tutorials directly on your hands.

“The fact that you see exactly how a color will look on your own hands is just pure fun—and incredibly useful. People end up experimenting with shades they’d never normally try.”

Fun, technology and sales grow: elements getting along pretty good when we talk about augmented reality in retail.

Amanti degli smalti, leggete qui: avreste sempre desiderato di vedere l’effetto di quel meraviglioso smalto prima di arrivare a casa e poterlo provare sulle vostre mani? Adesso finalmente è possibile!

Gli esperti di smalto alla Sally Hansen, compagnia numero uno nella vendita di smalti e cura delle unghie negli USA, sanno cosa voglia dire e hanno deciso di rimediare con una nuova app…e con la realtà aumentata, ovviamente!

L’app si chiama ManiMatch, è disponibile in download gratuito per iOS (la trovate qui) ed è stata lanciata all’interno di un pop-up bar a SoHo qualche giorno fa. Il funzionamento è molto semplice: basta appoggiare la propria mano su una superficie di colore neutro, come bianco o una tinta tenue, e inquadrarla con il dispositivo mobile sul quale l’app è installata; l’applicazione analizzerà con una scansione la mano e i toni della pelle e abbinerà il colore di smalto perfetto per noi.

“Ovviamente ognuno ha differenti sfumature e contrasti di colore, quindi è importante poter provare le tinte di smalto indosso” ha dichiarato Madeline Poole, ambasciatrice globale dei colori Sally Hansen ed esperta di trend. “Si può pensare per esempio a una t-shirt. Sembra bellissima sull’appendiabiti, ma quando la provi non risalta i i tuoi colori o il colore dei tuoi occhi o capelli, e il concetto è lo stesso.”

Se non si è completamente soddisfatte del consiglio datoci dall’applicazione si può comunque navigare liberamente il catalogo del brand, che prevede circa 200 tinte diverse; i prodotti possono essere consultati anche scegliendoli per categorie e caratteristiche e possono essere acquistati dal proprio cellulare.

Inoltre sarà possibile provare i colori all’interno dei negozi scansionando i codici a barre sulle boccettine di smalto e assistere a fantastici tutorial di nail art direttamente sulle proprie mani.

“Il fatto di vedere esattamente come un colore apparirà direttamente sulle tue mani è puro divertimento – e incredibilmente utile. Le persone alla fine sperimentano con sfumature che normalmente non proverebbero mai.”

Divertimento, tecnologia e aumento delle vendite: elementi che vanno molto d’accordo quando si parla di realtà aumentata nel retail.

Are you a Pokémon fan? From next year you will be able to catch your favorite pocket monsters in the real world!

Few days ago The Pokémon Company, production company of the famous videogame, announced that from 2016 will be released the new mobile game “Pokémon Go”.

This new version of the game has been developed by the company together with Nintendo and Niantic, and it will have incredible game features: Pokémon Go will be a mobile-based game, available for iOS and Android, and it will use augmented reality. With the help of a GPS and of the smartphone’s camera it will make possible to catch Pokémons in the real world: our mobile device will work as a radar, notifying us when one of the most famous collectable little monsters will be near us.

As for other videogames featuring augmented reality, even in this case we point out the importance of this new technology combined with gaming dynamics to break the bad habit, every day more normal for children and adults, of passing too much time in the house in front of tv and consoles. Applications as Pokémon Go or Ingress (yes, the other game created by Niantic) are working in double ways: one is to deliver fun to the users, while the other one is to help them going out of the house to interact with the outdoor spaces.

The Pokémon Go app will be available from next year in free download with some in-app purchase features, but Nintendo announced also another device that will add to the smartphone experience other elements, as the information on the presence of other players near us; the name of this second gadget will be Pokémon Go Plus and we don’t have a price yet, but probably it will be soon announced.

Watch the incredible presentation video:

It seems that 2016 will be a year full of augmented reality news; continue to read our blog to get constant updates!

Appassionati di Pokémon? Dal 2016 potrete catturarli nel mondo reale!

Infatti The Pokémon Company, casa di produzione del celebre videogioco, ha annunciato che dal prossimo anno rilascerà la nuova versione “Pokémon Go”.

Questa nuova versione del videogioco è stata sviluppata dalla compagnia insieme a Nintendo e Niantic e prevede dinamiche di gioco incredibili: Pokémon Go sarà un gioco con base mobile, disponibile per iOS e Android, e vedrà come tecnologia protagonista la realtà aumentata. Con l’aiuto ulteriore di un GPS e della fotocamera del telefono sarà possibile cacciare i Pokémon direttamente nel mondo reale: il nostro smartphone si tramuterà infatti in un radar che ci indicherà quando uno dei mostriciattoli collezionabili più amati del mondo sarà vicino a noi.

Come per altre news riguardanti videogiochi divenuti interattivi nello spazio delle nostre vite reali, anche in questo caso non possiamo che sottolineare l’importanza che la realtà aumentata combinata al gaming può avere nello spezzare la brutta abitudine di rimanere spesso in casa, ormai normale per grandi e piccini. Applicazioni come Pokémon Go o Ingress (eh già, ecco dove avevate già sentito il nome “Niantic”) svolgono il doppio lavoro di divertire ma anche spingere gli utenti del web a interagire e prendere nuovamente possesso degli spazi esterni.

L’app di Pokémon Go sarà disponibile dal prossimo anno in download gratuito con acquisti in-app, ma Nintendo ha già annunciato che sarà disponibile per l’acquisto un secondo dispositivo da aggiungere all’utilizzo dello smartphone per avere informazioni anche sugli altri giocatori presenti intorno a noi: il nome di questo secondo gadget sarà Pokémon Go Plus e ancora non è stato fornito un range di prezzo.

Guardate l’incredibile video di presentazione:

Il 2016 si prospetta un anno decisamente pieno di novità per la realtà aumentata; continuate a seguirci per non perdere neppure una news!

Avete sempre sognato di esporre in una Galleria Nazionale o in un grande e importate museo? La tecnologia può aiutarvi grazie alla realtà aumentata, o almeno lo ha fatto nel caso dell’artista digitale Trevor Jones.

L’artista ha infatti deciso di promuovere la sua mostra personale, che si terrà dal 2 al 9 Settembre 2015 nella sua città natale, Edimburgo e che avrà titolo non a caso #EdinburghHacked, creando un’app che, grazie alla realtà aumentata, mostrerà le sue opere al posto di grandi capolavori del passato.

Per realizzare questo progetto, Jones ha lavorato gomito a gomito con David Oxley, consulente informatico e Direttore di Numeriq Ltd; i due hanno progettato e creato un’applicazione mobile che il pubblico possa scaricare sui propri smartphone e tablet per interagire con i tag AR sparsi in giro per Edimburgo e addirittura su alcune delle opere della National Gallery of Scotland.

L’idea alla base di tutto il progetto è quella di portare le opere fuori dalle gallerie tramutando la città stessa in una gigantesca esposizione interattiva. D’altro canto, anche la mostra promossa tramite questa azione è decisamente innovativa; come afferma l’artista stesso: “Questa mostra connetterà pittura con realtà aumentata, software di morphing, social media e altro per creare uno spazio interattivo che si sviluppa e cresce grazie a coloro che vengono coinvolti in esso.”

Ma tutto questo è legale?

Questa domanda sorge spontanea, e quella di Jones sembra essere in effetti in parte anche un’interessante ricerca proprio su questo: “Sono interessato nella nozione di chi possegga lo spazio digitale e sembrano non esserci informazioni a riguardo”.

La risposta di un portavoce delle National Galleries of Scotland sembra positiva: “I visitatori alle National Galleries of Scotland sono liberi di scattare fotografie alla maggior parte delle opere in mostra per proprio uso personale e siamo inoltre molto felici che usino queste immagini come base per i loro sogni e viaggi immaginari.”

Quel che è certo è che, grazie alla realtà aumentata, la mostra è sulla bocca di tutti e sarà di certo un gran successo. E poi, come Jones ha confessato, aveva sempre sognato di vedere le sue opere esposte alla National Gallery, ora può vederne esposte ben 15! 😉

Guarda il video delle opere in giro per Edimburgo:

E quello della National Gallery:

Would you like your artwork to be displayed in a National Gallery or a big, important museum? Technology can help you thanks to augmented reality, or at least did it in the case of the digital artist Trevor Jones.

The artist, in fact, decided to promote his personal exhibition, that will be held from 2nd to 9th September 2015 in his city, Edinburgh and that is not casually titled #EdinburghHacked, creating an app that, thanks to augmented reality, will show his artworks on big historical masterpieces.

For the realization of this project, Jones worked closely with David Oxley, IT consultant and Director of Numeriq Ltd; the two projected and created a mobile app that people can download on their smartphones and tablets to interact with the many AR tags places around Edinburgh and on some of the artworks in the National Gallery of Scotland.

The idea at the base of all project is to take the artworks our of galleries transforming the city itself in a gigantic interactive exhibition. Anyway, the promoted exhibition is itself pretty innovative; as the artist himself says: “This exhibition will connect paint with augmented reality, morphing software, social media, and more to create an interactive space that evolves and changes with those who engage with it.”

But is all this legal?

The question is spontaneous, and Jones’ action seems partly also an interesting research linked to this: “I am interested in this notion of who owns digital space as there is really no information about it.”

The answer of the spokesman for the National Galleries of Scotland seems to be positive: “Visitors to the National Galleries of Scotland are free to take photographs of most of the artworks on show for their personal use and we are also very happy for them to use these images as the basis for their own dreams and imaginative journeys.”

What is sure is that, thanks to augmented reality, the exhibition is on everyone’s lips and surely will be a great success. Then, as Jones confessed, he always dreamt to see his artwork displayed at the National Gallery, now he can see not less than 15! 😉

Watch the video of the artworks around Edinburgh:

And the one at the National Gallery:

 

Competition in the retail ambient is vast; among the brands sure of this there’s Beam Suntory, bourbon producing company.

Every day more companies come to terms with the fact that, to overtake competitors and stand out between the great quantity of brands that a client can easily find on shops and supermarkets’ shelves, traditional advertising is not enough anymore. To attract the attention of the possible client you have to give him an unforgettable experience, possibly leaving him amazed. This is when augmented reality and experiential marketing come into play!

“The liquor store is a saturated environment, so we need to truly stand out in order to reach new consumers and educate shoppers on bourbon,” Michelle Cater, senior director of commercial marketing at Beam Suntory, says. “Based on our research, we know that new bourbon drinkers are eager to learn more about what makes bourbon unique. With augmented reality technology, we are able to engage shoppers in an immersive and interesting way.”

This is not the first time that Beam Suntory mixes its advertising with new technologies: already from some months the company is using the marvels of virtual reality to promote its Jim Beam Devil’s Cut Bourbon; now, understood the potential, the company decided to rely on augmented reality too, using BlippAR to create an app, “The Bourbon Revival”, that explains us how bourbon is made.

The Bourbon Revival app works with any smartphone; the users download the BlippAR app and simply use it to scan the AR codes found on the bottles or on the shelves. Through this the user will see 3D contents appearing, such as the experimentation of recipes and cocktails.

Bourbon lovers or not, surely now we are all curious 😉

La concorrenza in ambiente retail è davvero smisurata, tra i brand che lo sostengono c’è anche Beam Suntory, azienda produttrice di bourbon.

Sempre più spesso le compagnie si rendono conto che per superare la concorrenza e spiccare in mezzo alla grande quantità di altri brand che un cliente può agevolmente trovare ogni giorno sugli scaffali di negozi e supermercati non è più sufficiente l’advertising tradizionale. Per attrarre l’attenzione del possibile cliente bisogna regalargli un’esperienza che sia indimenticabile e possibilmente lasciarlo a bocca aperta. Ecco dunque che arrivano in nostro soccorso realtà aumentata e marketing esperienziale!

“La vendita di liquori è un ambiente saturo, quindi abbiamo davvero bisogno di spiccare per raggiungere nuovi clienti ed educare gli acquirenti riguardo il bourbon,” ha dichiarato Michelle Cater, direttore del marketing commerciale di Beam Suntory. “Sulla base delle nostre ricerche, sappiamo che i bevitori di bourbon sono entusiasti all’idea di conoscere qualcosa di più riguardo cosa renda il bourbon unico. Con la realtà aumentata siamo in grado di coinvolgere i clienti in modo intelligente.”

Per Beam Suntory non è la prima sortita in ambito di advertising con nuove tecnologie, perché già da qualche mese la compagnia sta sfruttando le meraviglie della realtà virtuale per promuovere il suo Jim Beam Devil’s Cut Bourbon; adesso, capita l’antifona, ha deciso di puntare anche sulla realtà aumentata, appoggiandosi su BlippAR e studiando l’app “The Bourbon Revival”, che ci spiega tramite AR come il bourbon venga prodotto.

L’app “The Bourbon Revival” funziona con qualsiasi smartphone; gli utenti scaricano l’app BlippAR e semplicemente la usano per scansionare codici AR situati sugli scaffali dei negozi o sulle bottiglie. In questo modo l’utente vedrà apparire contenuti 3D di sicuro interesse, quali l’interazione con bottiglia e bevanda e la sperimentazione di ricette e cocktail.

Amanti del bourbon o meno, di certo adesso siamo curiosi 😉