Le scienze della terra si insegnano con la realtà aumentata

/ / realtà aumentata

Secchiello e paletta in mano, una sandbox ripresa da una videocamera Kinect 3D, e come per magia la sabbia si trasforma in una mappa topografica tridimensionale.

Questi gli strumenti di un esperimento condotto dall’Università della California, Davis, che prevede l’utilizzo della realtà aumentata per mostrare in modo verosimile alcuni concetti di scienze della terra. Obiettivo del progetto portato avanti da Oliver Kreylos, è quello di innovare la didattica tradizionale e insegnare così agli studenti nozioni di tipo geografico, geologico e idrologico, in modo interattivo mediante un simulatore di territorio in realtà aumentata.

L’esperimento prevede che gli utenti si trovino una cesta contente sabbia vera, modellabile, questa viene ripresa da una videocamera 3D, collegata ad un proiettore che in tempo reale grazie alla realtà aumentata da vita ad una mappa topografica virtuale con forme e colori indicative delle peculiarità del territorio.

Così grazie alla realtà aumentata il paesaggio prende vita: dei semplici cumuli di sabbia diventano montagne, colline e  valli fluviali.  L’innovatività di questo progetto sta nella sua capacità di rappresentare in modo fedele i vari cambiamenti delle forme del paesaggio, superando cosi la staticità delle attuali mappe topografiche, non in grado di rappresentare la continua evoluzione del territorio.  Altro elemento interessante che questo sistema offre, risulta essere la possibilità di osservare il comportamento dell’acqua in base ai mutamenti del territorio grazie all’adozione di alcuni modelli matematici.

In virtù delle sue caratteristiche il simulatore di territorio consente di studiare in realtà aumentata fenomeni geologici passati e perché no costruire modelli previsionali futuri.

 

Curiosi di scoprire come funziona? Guardate il video

 

Nell’ avvenire del progetto, c’è la speranza di riuscire a riproporre questo sistema nei musei, regalando ai visitatori la possibilità di interagire in diretta con una sandbox, facendogli così vivere un’ esperienza emozionante e indimenticabile alla scoperta delle scienze della terra!