Vi piacerebbe avere più controllo su ciò che accade quando sciate o andate in snowboard? Allora dovreste provare la realtà aumentata, e GogglePal è il gadget tecnologico che fa per voi!

No, non è l’ennesimo paio di occhiali o un ingombrante visore: i creatori, appassionati di sport sulla neve, hanno pensato anche a questo; GogglePal è un inserto adattabile a qualsiasi tipologia di maschera da sci o da snowboard che permette di avere davanti ai propri occhi un Head Up Display, uno schermo che non necessita di spostare lo sguardo dalla pista. Il dispositivo, che è stato protagonista di una campagna di crowdfunding su Kickstarter, è stato lanciato in quattro modelli differenti: Sport, Connect, Play e Play Gold (l’ultimo è semplicemente di colore dorato), tutti leggeri e altamente portatili.

Le funzionalità di GogglePal sono similari ad altri dispositivi indossabili creati per lo sport o per la guida e visti in precedenza (ultimamente abbiamo parlato dei BMW Digilens e Skully, presentati al CES 2016): attaccando l’inserto alla lente, e dunque implementando la realtà aumentata nella propria maschera da sci, sarà possibile accedere a informazioni importanti quali velocità, calorie bruciate, accelerazione, tempistiche e direzione, tutte mostrate in un piccolo display nell’angolo superiore laterale del campo visivo.

Non manca inoltre la parte di gamification: l’app di GogglePal permette di rimanere connesso con i propri amici tramite un servizio di messaggistica, allo stesso tempo tenendo traccia delle loro posizioni, ma anche di attivare giochi e gare e competere per punteggi legati alle distanze percorse o a tesori trovati.

Il dispositivo è stato creato pensando in particolare agli sport sulla neve, ma i creatori stanno pensando anche a future varianti per altri sport ai quali possa giovare un HUD.

Finita la campagna su Kickstarter, i GogglePal sono ora disponibili sul sito ufficiale per il pre-order; per il momento sembra esistere solo una versione per iPhone, non si sa se in futuro verrà resa disponibile anche quella per Android.

Potete approfondire il funzionamento nel video qui sotto:

Uno dei videogame per mobile più attesi per il 2016? Si chiama Pokémon Go e nascerà dalla collaborazione tra The Pokémon Company, Nintendo e Niantic Labs. Il nome Niantic Labs dovrebbe già svelarvi qualcosa: se il progetto prevede la collaborazione con la compagnia creatrice del videogioco Ingress, non può che esserci di mezzo la realtà aumentata; e infatti Pokémon Go permetterà ai giocatori di catturare i Pokémon direttamente all’interno del mondo reale: il vostro smartphone diverrà un radar e, grazie anche all’ausilio del GPS, renderà possibile vedere in sovrimpressione i famosi mostriciattoli e catturarli.

Nel tempo i videogiochi Pokémon si sono moltiplicati, ma questo è probabilmente il titolo più atteso in assoluto: con il passare delle versioni, la saga giapponese si è costruita uno zoccolo duro di fan e appassionati che seguono ogni release col fiato sospeso. Anche questa volta la situazione non è diversa, con l’aggiunta del twist in più della realtà aumentata.

Avevamo già avuto qualche anticipazione durante il 2015, ma in seguito i fan erano stati lasciati nuovamente nell’incertezza: nessuna data di release certa, pochi dettagli sicuri. Adesso una data importante si avvicina e questo riaccende le speranze: il 27 febbraio 2016, infatti segnerà il ventesimo anniversario dall’uscita dei primi videogiochi Pokémon per Game Boy, Pokémon Versione Rossa e Pokémon Versione Verde. Molti sono gli eventi e le sorprese in programma per questa data e tra questi si spera vi sia anche la release della versione a realtà aumentata.

Tuttavia, secondo alcune voci di corridoio, il videogame raggiungerà la fine della sua fase di beta-testing solo a metà del 2016, quindi il lancio ufficiale non si terrà sino come minimo a Giugno.

Altra indiscrezione per i fan: sembra vi sia la possibilità che questo nuovo titolo veda la presenza di un nuovo personaggio. Probabilmente sarà nientemeno che Zygrade, combinazione tra Yvetal di Pokémon Y e Xerneas di Pokemon X.

Ricordate il Project Tango di Google? Si tratta del progetto di costruzione di una piattaforma che giri con sistema operativo Android e che unisca realtà aumentata, tecnologia 3D e mobile. Google la chiama “mixed reality“. Creata qualche tempo fa, nel 2014 è stata aperta agli sviluppatori perché potessero sviluppare progetti e prodotti che sfruttino appieno le sue possibilità, con due device creati ad hoc per i test, il Peanut Phone e lo Yellowstone 7-inch tablet.

Prendiamo dunque queste notizie e contestualizziamole negli ultimi giorni, in piena fase Star Wars: che cosa ne poteva uscire? Ovviamente niente meno che una perfetta unione di realtà aumentata e personaggi del film! Uno dei gruppi di developers, che si fa chiamare Trixi Studios, ha infatti rilasciato un video che mostra Project Tango in azione…con un pizzico di Guerre Stellari! Eccolo:

Nel video possiamo vedere le versioni digitali dell’ormai famosissimo robot BB-8, oltre a qualche Stromtrooper e Boba Fett: un utente si aggira per alcuni ambienti interni ed esterni di quello che sembra un centro commerciale, e nel frattempo combatte alcuni nemici sul suo tablet. Il tutto è registrato in un video girato direttamente con il mobile device di Google: possiamo vedere gli ambienti reali tutto intorno ai personaggi, che sono completamente immersi in essi; le varie scene del videogioco prendono vita direttamente all’interno dello spazio reale, con effetti, quale quello dell’uscita dello Stormtrooper dal portale, a dir poco strabilianti.

Fan di Star Wars, non illudetevi però: il video non vuole essere il teaser di un prodotto che vedremo sul mercato, ma semplicemente una dimostrazione; come recita il messaggio iniziale, infatti: “Questo video non è dimostrazione di un prodotto in sviluppo; serve solo per mostrare le possibilità della Mixed Reality Techology. Non si possede alcun copyright sul contenuto. Siamo solo grandi fan di Star Wars!
Tutto il filmato è stato ripreso live e registrato direttamente sul tablet (infatti c’è stata un po’ di perdita di definizione). Non è stato fatto alcun ritocco successivo al video.”

Appassionati di Pokémon? Dal 2016 potrete catturarli nel mondo reale!

Infatti The Pokémon Company, casa di produzione del celebre videogioco, ha annunciato che dal prossimo anno rilascerà la nuova versione “Pokémon Go”.

Questa nuova versione del videogioco è stata sviluppata dalla compagnia insieme a Nintendo e Niantic e prevede dinamiche di gioco incredibili: Pokémon Go sarà un gioco con base mobile, disponibile per iOS e Android, e vedrà come tecnologia protagonista la realtà aumentata. Con l’aiuto ulteriore di un GPS e della fotocamera del telefono sarà possibile cacciare i Pokémon direttamente nel mondo reale: il nostro smartphone si tramuterà infatti in un radar che ci indicherà quando uno dei mostriciattoli collezionabili più amati del mondo sarà vicino a noi.

Come per altre news riguardanti videogiochi divenuti interattivi nello spazio delle nostre vite reali, anche in questo caso non possiamo che sottolineare l’importanza che la realtà aumentata combinata al gaming può avere nello spezzare la brutta abitudine di rimanere spesso in casa, ormai normale per grandi e piccini. Applicazioni come Pokémon Go o Ingress (eh già, ecco dove avevate già sentito il nome “Niantic”) svolgono il doppio lavoro di divertire ma anche spingere gli utenti del web a interagire e prendere nuovamente possesso degli spazi esterni.

L’app di Pokémon Go sarà disponibile dal prossimo anno in download gratuito con acquisti in-app, ma Nintendo ha già annunciato che sarà disponibile per l’acquisto un secondo dispositivo da aggiungere all’utilizzo dello smartphone per avere informazioni anche sugli altri giocatori presenti intorno a noi: il nome di questo secondo gadget sarà Pokémon Go Plus e ancora non è stato fornito un range di prezzo.

Guardate l’incredibile video di presentazione:

Il 2016 si prospetta un anno decisamente pieno di novità per la realtà aumentata; continuate a seguirci per non perdere neppure una news!

Passeggiare in una foresta incantata in mezzo a creature fantastiche: quante volte lo abbiamo sognato da piccoli? Ora che siamo adulti abbiamo anche una possibilità di rendere questo sogno realtà, grazie allo spettacolo “Dark Wood Dragon Quest”, il primo evento teatrale con elementi di realtà aumentata del Regno Unito.

Dal 7 ottobre al 1° novembre 2015, infatti, nel Monikie Country Park di Angus, Scozia, sarà possibile prendere parte a questo incredibile evento: scaricando un’app sul proprio smartphone, i partecipanti saranno in grado di passeggiare per il parco, illuminato e addobbato per l’occasione, in mezzo a creature fantastiche quali fate, goblin e troll grazie alla realtà aumentata. In pratica, inquadrando le porzioni di bosco sarà possibile vedere e fotografare magiche creature, che potranno poi essere condivise con familiari e amici tramite i social media. Tutto questo fa parte di una storia con trama più ampia: i partecipanti, tramite indizi e risolvendo rompicapi e indovinelli, dovranno trovare dove si cela l’antico Drago.

L’applicazione è stata ideata da Vision Mechanics e creata con l’aiuto dei laureati in animazione del Duncan of Jordanstone College of Art and Design, Dundee, che hanno trasposto alcuni modelli 3D all’interno del mondo reale rendendoli fruibili da tutti grazie alla realtà aumentata; tuttavia, lo spettacolo potrà essere apprezzato anche da coloro che non hanno uno smartphone, come affermato anche dal direttore artistico di Vision Mechanics. Symon Macintyre: “Volevamo investire sui talenti locali per creare la parte tecnologica del progetto ma, anche senza smartphone o tablet, gli spettatori avranno la possibilità di apprezzare un mare di installazioni fisiche interattive ed emozionanti e un mucchio di creazioni teatrali tradizionali da vedere ed esplorare nella notte.”

Questo evento sarà di certo uno dei più attesi in UK, e anche Jim Clarkson di VisitScotland sembra non riuscire a nascondere un certo entusiasmo: “Ogni anno, Angus dà il benvenuto a visitatori provenienti da tutto il mondo, ma sono certo questa sia la prima volta che ci ritroviamo a ospitare così tante creature mitologiche.”

Che dire? Non vediamo l’ora di sbirciare le foto dello spettacolo!

La realtà aumentata di HTC Vive

Dall’unione di Valve, una delle case videoludiche più apprezata nel mondo, e HTC  nasce  HTC Vive il nuovo visore per la realtà aumentata, che unisce l’innovazione tecnologica ad un design eccellente.

Immaginate di chiudere gli occhi e una volta riaperti di trovarvi completamente immersi in una stanza tridimensionale tutta da esplorare e scoprire. Questo è ciò che avviene una volta che indosserete i visori HTC Vive, capaci di ricreare in realtà aumentata ambienti interi.La cosa più sorprendente è che non solo potrete ammirare ciò che virtualmente vi circonda, ma grazie a dei sensori integrati che rilevano gli spostamenti, potrete liberamente muovervi nell’ambiente circostante, in cui sarete in grado di vedere le vostre mani e avrete la possibilità di interagire con gli oggetti presenti.  HTC Vive si avvale dell’ausilio di alcune telecamere posizionate nella stanza in cui prende vita la realtà aumentata, di cuffie per rendere più immersiva l’esperienza, e controller che si trasformano in base al magico mondo che si va a ricreare, in bacchette magiche o fucili o qualcos’altro ancora.

La realtà aumentata di HTC Vive regala esperienze uniche e totalmente immersive, estremamente differenti rispetto agli altri visori presenti sul mercato, in quanto la loro capacità di ricreare ambienti virtuali consente a chi li indossa di provare un senso di totale immersione nella realtà aumentata, che fino ad oggi nessun’altro dispositivo ha mai regalato. Il nuovo gioiellino della casa taiwanese, è per ora disponibile solo per gli sviluppatori, che in previsione del debutto della versione consumer prevista per Natale 2015, stanno già lavorando allo sviluppo di diverse applicazioni e giochi.

Il visore HTC Vive,premiato al Gamescon 2015, il più importante evento europeo del settore videoludico, come miglior Hardware,promette di essere un dispositivo diverso rispetto a quelli concorrenti, nel futuro del visore si vede non solo realtà aumentata legata al settore ludico e dei videogames, ma si preannuncia anche il suo utilizzo per dar vita a mostre e musei interattivi, shopping personalizzato, anche il mondo del cinema potrà beneficiare della realtà aumentata e dell’innovazione offerta da questo dispositivo. 

Non resta che attendere la fine dell’anno per provare questi visori, unico dubbio che resta, quanto costeranno e quanto costerà tutto il necessario per dar vita agli ambienti virtuali?

 

 

 

E’ “la tua connessione mobile ufficiale ad una galassia lontana, molto lontana”: ecco le parole con cui Disney ha presentato la nuova app ufficiale di Star Wars, rilasciata giusto qualche giorno fa.

Disponibile gratuitamente per Android e iOS, la nuova applicazione riempirà di meraviglia tutti i fan della celebre saga di fantascienza: avete sempre sognato di inserire citazioni di Darth Vader nelle vostre conversazioni, o magari di esercitarvi con i lightsabers, o ancora di farvi selfie a tema spaziale? In questa nuova app troverete tutto questo, oltre ad un conto alla rovescia per la release del nuovo film in produzione e tutte le news e i video ad esso collegati.

Ma perché è interessante anche per noi? Semplice: una parte dell’applicazione, per regalare agli utenti un’esperienza indimenticabile, fa uso della realtà aumentata!

Quella che viene definita la feature più emozionante e coinvolgente, il minigame “Force trainer”, infatti prevede la possibilità di esercitarsi con le tipiche spade laser di Guerre Stellari: potrai sperimentare il tuo Jedi training semplicemente utilizzando il tuo smartphone come un lightsaber sino a diventare bravissimo!

Sempre parlando di realtà aumentata, un’altra feature prevede lo sblocco di personaggi 3D provenienti dal film: le figure potranno essere proiettate nel mondo reale, aiutando gli utenti ad immergersi completamente nell’atmosfera della saga.

Tutto questo ovviamente non manca della parte social: tramite l’app si può creare un proprio profilo ed entrare a far parte della crescente community.

Sembra che le novità non siano finite qui: Disney conclude la sua presentazione con la frase “Always in motion is the future. This app will continue to grow, evolve, and become more powerful than you can possibly imagine. ” (Sempre in movimento è il futuro. Questa app continuerà a crescere, evolversi, e diventerà più potente che tu possa immaginare). Questo fa ben sperare riguardo ad espansioni future: attendiamo e…che la Forza sia con voi! 😉

“Non basta più mettere semplicemente il tuo prodotto sullo scaffale sperando che il tuo packaging spicchi più dei tuoi concorrenti”.

Queste sono le parole di Bep Dhaliwal, trade communications manager di Mars Chocolate UK, e di questi tempi è senza dubbio una verità. Ecco dunque che entrano in gioco nuove soluzioni di marketing, in particolare la realtà aumentata: infatti Mars, famoso brand di dolciumi, ha deciso di dare una svolta alla sua comunicazione coinvolgendo i clienti dei supermercati Asda del Regno Unito con una nuova app creata in collaborazione con Zappar. Il 27 Giugno, tra le 10 e le 16, i clienti di Asda hanno potuto prendere parte ad un’azione di gamification marketing per provare a vincere una t-shirt firmata: per partecipare dovevano semplicemente utilizzare i propri smartphone e tablet per giocare al gioco aumentato “Be A Penalty Shoot Out Hero”, nel quale dovevano vincere contro il portiere segnando un goal per provare ad essere estratti. Dopo aver giocato, i clienti potevano vedere una classifica con i punteggi migliori all’interno del negozio, nonché condividere sui social media le proprie foto con i trofeo del vincitore.

Questa non è la prima collaborazione di Asda e Zappar per una campagna di realtà aumentata: la precedente campagna, un vero e proprio successo, venne creata durante il periodo di Halloween per coinvolgere i bambini; usando smartphone e tablet i più piccoli potevano andare in giro per i negozi e trovare indizi legati ad una caccia al mostro ideata per l’occasione.

Max Dawes della Zappar ha dichiarato: “Siamo contenti di lavorare nuovamente con Asda e di poter mostrare come la realtà aumentata possa creare attività di spicco per i brand in un ambiente sovraffollato come quello del retail”. E “attività di spicco” è la giusta definizione, dato che l’azione di Halloween ha avuto come risultato ben 151.780 “zaps” da 67.073 acquirenti: un risultato davvero molto buono!

Volete toccare con mano un’azione di marketing e realtà aumentata tutta italiana? Guardate il lavoro che Experenti ha fatto per San Benedetto 🙂

Dal 19 al 21 Giugno si è tenuto il Tokyo Toy Show 2015, e non poteva mancare anche qualche progetto dedicato alla realtà aumentata; in particolare è spiccato quello di Toyota e della sua Camatte.

Il progetto Toyota Camatte è stato lanciato nel 2012 per avvicinare anche i più piccoli al mondo automobilistico, abituandoli sin da bambini alla guida ed educandoli alla gioia di possedere un’automobile. La casa automobilistica ha così creato una piccola auto, completa in ogni parte e funzionante, che possa essere guidata dai bambini con l’aiuto degli adulti e, soprattutto, possa essere facilmente personalizzata secondo le fantasie dei più piccini. Via libera, dunque, a macchine rosa, camioncini degli hot dog e camion dei pompieri!

Per un progetto così innovativo, ovviamente non poteva che essere utilizzata quella che delle tecnologie è tra le più all’avanguardia, ovvero la realtà aumentata; infatti da questa edizione del Toy Show, Toyota ha pensato ad un metodo ancora più semplice e con meno limiti per personalizzare la Camatte: per prima cosa salire in macchina e scattarsi una foto, poi, tramite l’apposita applicazione Camatte Vision ed un semplice tablet, i bambini possono scegliere il look della macchina, abbinando 13 tipi di corpo con 12 colori ed addirittura vedere un modello renderizzato della propria auto personalizzata correre su un (vero) percorso in miniatura con la propria famiglia a bordo!

La versione attuale della Camatte si chiama Hajime, parola che significa “inizio”, ma non è certo la prima: dal 2012 ne sono stati presentati ben sei modelli (Sora, Daichi, Takumi, 57s and 57s Sports), tutti funzionanti come macchine vere. A questo Tokyo Toy Show non era possibile guidare il modello, ma le famiglie han potuto sedervisi all’interno per scattare le foto da modificare con l’app.

Piccola curiosità: l’automobile ed il progetto sono stati chiamati “Camatte” non a caso, perché in giapponese questa significa “avere cura” e si intende come “avere cura degli altri” e, ovviamente, “avere cura dell’automobile”.

Si chiama Playmation ed è il nuovo progetto di Disney in collaborazione con Hasbro per offrire ai bambini un nuovo metodo per giocare ed impersonare i loro personaggi preferiti. Come? Con un meccanismo che molto ha a che vedere con la realtà aumentata!

I kit Playmation saranno composti da giocattoli indossabili, i quali immergeranno i più piccoli in missioni da svolgere nel mondo reale tramite tecnologia infrarossi, riconoscimento dei gesti e frequenze radio. Una voce li guiderà verso gli obiettivi di gioco, mettendoli direttamente nei panni dei protagonisti delle loro storie preferite e a mano a mano che le missioni verranno completate, il piccolo giocatore si troverà faccia a faccia con il boss avversario, contro il quale potrà combattere da vero supereroe, grazie all’equipaggiamento indossato, che vibrerà e gli donerà superpoteri. I cattivi delle storie saranno piccole action figures da sistemare su speciali basi ed interagiranno grazie ai giocattoli indossati. Le missioni, assicura Disney, saranno da svolgere nella vita reale, così che si possa porre fine all’abitudine dei più piccoli di passare molte, troppe ore di fronte a videogiochi e dispositivi mobile.

Il vice presidente dello sviluppo business Disney ha dichiarato: “Usiamo la tecnologia digitale per rendere il l’attività fisica di gioco più eccitante per i bambini. I genitori sanno che la tecnologia sta diventando sempre più parte integrante delle vite dei loro figli, ma sono allo stesso tempo nostalgici di come ai loro tempi fossero attivi durante la crescita ed il gioco. I bambini amano giocare ad essere e diventare supereroi, e Playmation offre moltissimi diversi metodi di gioco.”

Il primo kit atteso, come possiamo leggere sul sito ufficiale di Playmation, è quello dedicato agli Avengers della Marvel, che uscirà il prossimo autunno. Nel 2016 sarà il turno del kit a tema Guerre Stellari, e nel 2017 vedremo invece quello di Frozen.

Il kit degli Avengers prevede per ora 25 missioni, ma verrà di certo espanso col tempo grazie agli aggiornamenti che la tecnologia e le app rendono possibili.

Ora che siamo alla fine dell’articolo, confessate: quanti adulti stanno già pensando di acquistarli per sè? 😉